Cosmesi

Oli essenziali: proprietà e utilizzi

Gli oli essenziali sono parte integrante dell’aromaterapia e sfruttano il potere degli odori per infondere benessere all’organismo. Ecco come funzionano.

Gli oli essenziali, o oli eterici, sono sostanze pregiate estratte da piante aromatiche di vario tipo e secondo diverse metodologie. Sono utilizzati fin dall’antichità per la loro funzione terapeutica e, ai giorni nostri, sono al centro della pratica olistica dell’aromaterapia il cui scopo e riequilibrare la sfera chimica ed emozionale dell’organismo.

oli essenziali

Nelle piante aromatiche le essenze odorose hanno diverse funzioni: attrarre gli insetti impollinatori, conservare la specie (gli oli che vengono rilasciati sul terreno dopo le giornate di pioggia impediscono ad altre piante di germogliare) impedendo anche agli organismi erbivori di cibarsene, difesa dai parassiti e cicatrizzazione dei tessuti.

Come si estraggono gli oli essenziali?

I metodi di estrazione degli oli essenziali variano a seconda della parte della pianta da cui si ottengono. La spremitura a freddo, essendo di tipo meccanico e non chimico, è la tecnica più diffusa e quella che permette di mantenere inalterate le proprietà dell’olio. La distillazione per corrente di vapore si utilizza per le parti più resistenti di piante ed erbe aromatiche, mentre quella per mezzo di solventi è utile per le piante più pregiate, come la rosa, il cui olio essenziale è tra i più costosi sul mercato.

L’enfleurage è una tecnica poco utilizzata che consiste nel porre a contatto di un grasso purificato le parti più tenere e delicate del fiore, come i petali. Questi rilasciano al grasso gli oli essenziali che verranno poi estratti con un passaggio intermedio nell’alcool.

Oli essenziali: tipi e utilizzi

Gli oli essenziali si suddividono in varie tipologie, chiamate «note»:

  • Note di Testa: sono quelle che si dissolvono velocemente ma avendo una vibrazione molto alta arrivano al cervello in breve tempo. Possono avere effetto calmante, come nel caso degli agrumi, oppure agiscono sul sistema respiratorio, come gli oli balsamici;
  • Note di cuore: hanno una volatilità media che arriva direttamente al cuore, infondendogli una piacevole azione vitalizzante e riequilibrante;
  • Note di base: dal profumo caldo e pesante e dalla bassa volatilità, si ricavano solitamente da legni, resine e spezie e infondono stabilità e forza.

L’aromaterapia con gli oli essenziali può avvenire per inalazione, per via orale o per contatto epidermico. Nel primo caso si utilizza un diffusore di oli essenziali: il profumo emanato dall’olio stimola la mucosa olfattiva che converte lo stimolo chimico in uno elettrico, arrivando direttamente al cervello.

oli essenziali tipi utilizzi

Gli oli essenziali possono essere utilizzati anche a diretto contatto con la pelle. In tal caso occorrerà un vettore (che sia un olio vegetale o una crema) affinché possa penetrare attraverso i follicoli piliferi sortendo gli effetti desiderati. Il consumo per via orale è quello meno diffuso e prima di procedere in tal senso occorre accertarsi che siano idonei a un uso alimentare.

Un olio essenziale per ogni problema

Nonostante gli oli essenziali abbiano differenti proprietà a seconda della pianta aromatica da cui vengono estratti, sono tutti accomunati da un’azione antisettica e antibatterica. Ecco una lista dei disturbi più comuni che possono essere alleviati con gli oli essenziali:

  • Raffreddore e affezioni delle vie respiratorie: olio essenziale di Pino ed Eucalipto;
  • Artrosi e reumatismi: olio essenziale di Finocchio e Ginepro;
  • Pelle grassa o tendente all’acne: olio essenziale di Camomilla, Limone, Tea Tree;
  • Sintomi della menopausa: oli essenziali di Salvia e Geranio;
  • Insonnia, ansia e depressione: oli essenziali di Sandalo e Lavanda;
  • Mal di testa: oli essenziali di Menta, Eucalipto, Lavanda e Rosa.

Ora che sapete tutto su cos’è l’olio essenziale e come utilizzarlo, non vi resta che scegliere la fragranza più adatta alle vostre esigenze.

blank

Dopo una Laurea in Ingegneria mi sono allontanata dai numeri e avvicinata a nuove forme di espressione, come la fotografia e la scrittura. Il mio blog, Il Cucchiaio Verde, racchiude entrambe le passioni e ha come filo conduttore uno stile di vita vegetariano.