Cibi etniciFood

Noodles: facili, veloci ma soprattutto buoni!

Mentre all’inizio la gente li guardava in modo scettico poiché simili alla nostra pasta ma di origine orientale, ora le noodles-bowl hanno conquistato anche le tavole europee.

Sebbene siano comparsi nei nostri supermercati negli ultimi decenni, i noodles vantano una storia millenaria. Alcuni ricercatori cinesi infatti, nel 2005, hanno scoperto in un sito archeologico a Lajia ( situato nel nord-ovest della Cina) un libro di 4.000 anni fa risalente ai tempi della dinastia Han. In questo reperto troviamo una prima citazione di «spaghetti» a base di miglio, oggi conosciuti come noodles. Questi, nonostante la loro forma allungata che potrebbe ricondurre ai nostri spaghetti, differiscono sia per le materie prime utilizzate sia per il metodo di produzione.

Noodles: facili, veloci ma soprattutto buoni!

Proveniente dal termine tedesco «nudel», per noodles si intende un tipo di alimento tipicamente asiatico ed europeo, ma lontano dalla tradizione italiana. È il prodotto di una miscela di farine di qualsiasi tipo, acqua e/o uova e presenta una tipica forma allungata dallo spessore che varia in base alla tradizione. I noodles asiatici usano in particolare farina di riso e vengono tagliati direttamente dalla sfoglia di pasta, a differenza dei nostri spaghetti che usano la farina di grano duro e vengono trafilati.

Noodles per ogni esigenza

Noodles per ogni esigenza

In Giappone tuttavia non troviamo solo un tipo di Noodles, ma variano secondo la loro composizione. Quelli al grano saraceno, particolarmente fini e di colore marrone che possono essere consumati sia caldi che freddi si chiamano Soba, mentre i più famosi, chiamati Ramen e caratterizzati dal colore giallo per l’utilizzo dell’uovo nell’impasto, sono più solidi e corposi, e vengono comunemente aggiunti nelle zuppe.

Shirataki

Tuttavia quest’ultimi contengano solo 138 kcal per 100gr, per i più attenti alla linea, hanno inventato anche i noodles a quasi zero calorie. Gli Shirataki infatti presentano solo 20 kcal per 100gr. Questa pasta che probabilmente in molti sognavano è a base di konjac, un tubero simile ad una barbabietola da cui si deriva una farina molto versatile in cucina. Tra le tante proprietà infatti questo tubero è ricco di fibre e adatto anche agli intolleranti/allergici al glutine in quanto gluten-free. Ciò che lo rende veramente affascinante però è l’alto contenuto di glucomannano, utilizzato in molti integratori, che ridurrebbe il senso di fame grazie alla sua caratteristica di gonfiarsi nello stomaco, dando così senso di sazietà ma allo stesso tempo contrastando anche l’assorbimento di grassi e zuccheri a livello intestinale.

Alcuni consigli da tenere a mente

Cucinare i noodles è assai semplice. In commercio si possono trovare quelli istantanei ai quali basta aggiungere la giusta quantità d’acqua bollente per essere pronti da condire. Bisogna stare attenti però perché per identificare una buona qualità è necessario guardarne colore e consistenza. Mentre la consistenza è un parametro molto relativo poiché varia in base alle preferenze locali, sul colore ci sono veri e propri parametri. Meglio diffidare da quelli che presentano un colore tendente al grigio in quanto segno di scarsa qualità, mentre quelli di un giusto bianco o giallo sono gli ideali.

Alcuni consigli da tenere a mente

Nonostante la comodità di preparare i noodles aggiungendo solo acqua salata bollente, ci si può sbizzarrire friggendoli in olio o scottandoli semplicemente per poi saltarli in una wok. Per quanto riguarda i condimenti, c’è molto varietà. I noodles possono essere serviti con carne, pesce e verdure, oppure aggiungendoli ad una zuppa sia calda che fredda. Un elemento che però non può mancare sono le tipiche bacchette con le quali immergersi in un vero e proprio pasto all’insegna dell’oriente.

Fonti: nationalgeographic.com – lacucinaitaliana.it – sushienoodles.it – wikipedia.org

TOPIC noodles
blank

Studentessa di Food System all’Università di Parma. Insaziabile di vita, dove il food non la fa solo da contorno. Perchè è con il cibo che costruisco le mie relazioni.