AttualitàSicurezza alimentare

Negli USA il Certified Transitional è il nuovo biologico

Il Certified Transitional è una nuova certificazione nata negli USA, che potrebbe affiancarsi a quella del biologico già in uso.

La certificazione per il biologico negli USA sarà presto affiancata dal Certified Transitional, una nuova etichetta che potrebbe aiutare gli agricoltori statunitensi che vogliono passare alla produzione bio. Questa nuova certificazione nasce dalla domanda sempre più elevata di alimenti biologici negli Stati Uniti, scossi dalla poca fiducia nella sicurezza del settore agroalimentare.

Cos’è la certificazione Certified Transitional

Per poter apporre il bollino di prodotto biologico sui propri prodotti, gli agricoltori negli USA devono trascorrere un periodo di transizione di 36 mesi. Questa rimane tutt’oggi una delle barriere più difficili da superare per chi vuole iniziare a produrre bio: volumi di ortaggi e granaglie ridotti, lavoro extra nella rigenerazione del terreno, nuovi strumenti per lavorare i campi. Tutti investimenti che non vengono ricompensati dal costo più elevato dei prodotti biologici, almeno per i primi 3 anni dopo l’inizio della transizione. Qui entra in gioco la certificazione Certified Transitional.

certified transitional

All’inizio del 2016 si è iniziato a discutere della possibilità di introdurre questo tipo di garanzia ed è stato subito un successo. Ha permesso ai produttori di chiedere un prezzo premium per i loro alimenti, in modo da poter finanziare il periodo di passaggio da un’agricoltura tradizionale a una biologica. Il problema è che a livello federale le cose si complicano: l’USDA, il Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti d’America, ha lanciato nel 2017 il National Certified Transitional Program, che sosteneva economicamente gli agricoltori in transizione ma non prevedeva un’etichetta sul prodotto finito. In ogni caso il messaggio è positivo, segnando con ancora maggiore forza che il biologico potrebbe essere il futuro dell’agricoltura.

TOPIC bio
REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.