AnimaliAnimali selvaticiAttualità

Lo sciacallo dorato ora vive anche in Italia. È pericoloso per l’uomo?

Lo sciacallo dorato è stato avvistato in Italia e, mentre molti si chiedono se sia pericoloso, forse fare un esame di coscienza risulterebbe più indicato.

Lo sciacallo dorato è giunto in Italia e, mentre vi si muove con assiduità, alcuni si chiedono se questo animale dalle caratteristiche uniche debba essere ritenuto pericoloso. Le domande degli esperti virano, però, in tutt’altra direzione. Gli scienziati sono infatti, interessati a ciò che ha spinto il mammifero attraverso il nostro Paese e, ancora una volta, uomo e cambiamento climatico appaiono le risposte più gettonate.

sciacallo Italia pericoloso

Lo sciacallo dorato

Di recente gli avvistamenti di sciacallo dorato in Italia hanno portato questo mammifero, e i dubbi sulla sua pericolosità, al centro dell’attenzione. Lo sciacallo dorato, canis aureus, deve il nome al suo caratteristico manto che, a seconda delle stagioni, va dal color crema al fulvo. Il suo peso è generalmente compreso tra 8 e 15 kg, mentre il corpo raggiunge una lunghezza di 85 cm, per un’altezza al garrese di 45 cm circa. Lo sciacallo dorato è un mammifero prevalentemente notturno, vive in coppia ed è un abile cacciatore. Il lupo è il suo predatore principale, mentre le volpi rappresentano per lui delle concorrenti.

Sciacallo dorato in Italia

Che lo sciacallo dorato si stia muovendo in Italia, anche ben oltre l’arco alpino, è ormai indubbio. A inizio dicembre le fototrappole dell’oasi di biodiversità Cava Volpaie, vicino a Prato, hanno mostrato che il mammifero ha superato gli Appennini e ha raggiunto per la prima volta la Toscana. Questi animali sono estremamente comuni in Asia meridionale, Nord Africa e Medio Oriente, ma recentemente il loro range d’azione si è notevolmente ampliato. Il riscaldamento globale, che ha reso il clima più secco e gli inverni meno nevosi ha svolto un ruolo di rilievo. Urbanizzazione e conseguente distruzione degli habitat sono state altrettanto importanti, ma a contribuire in modo decisivo è stato il crollo della popolazione dei lupi, di cui l’uomo è grande responsabile.

Lo sciacallo dorato è pericoloso?

Mentre lo sciacallo dorato si sposta attraverso l’Italia, chiedersi se sia pericoloso è inevitabile. Gli esperti hanno sottolineato che, per quanto si tratti di un predatore, esso non ha un temperamento aggressivo. Si nutre per lo più di carcasse di animali, ma non attacca quasi mai prede di grandi dimensioni. A dover temere sono, quindi, piccoli animali domestici e polli, ma non l’uomo. Quest’ultimo è, anzi, forse, una minaccia maggiore per lo sciacallo dorato, rispetto al contrario. Cibandosi nelle discariche, tali canidi possono, infatti, ingoiare grandi quantità di rifiuti domestici. In caso di incontri la cautela rimane, d’obbligo poiché, un predatore minacciato è sempre da temere.

L’espansione dello sciacallo dorato in diverse zone d’Italia, prima a lui “precluse”, fa riflettere. L’uomo ha ormai alterato in modo profondo la natura e, anche se in questo caso non siamo di fronte a un cambiamento pericoloso, ciò non può essere ignorato. Lo sciacallo dorato rimane una specie protetta e tutelarlo è vitale. Nonostante tutte le rassicurazioni, forse, continueremo ad auguraci di ammirarlo solo in foto.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.