AmbienteEcologia

La plastica riciclabile all’infinito è sempre più vicina

Un tipo di plastica riciclabile all’infinito è finalmente possibile e potrebbe presto diventare lo standard.

Il sogno di una plastica riciclabile all’infinito è sempre più vicino a diventare realtà. In un mondo ideale potremmo fare a meno della plastica, ma una varietà in grado di venire riciclata senza perdita di qualità è certamente un buon obiettivo. Oggi meno del 10% della plastica al mondo è riciclata più di una volta e circa 8 miliardi di tonnellate di materiale plastico stanno inquinando irrimediabilmente il nostro pianeta.

Da dove arriva la plastica riciclabile all’infinito

La plastica oggi è diffusa pressoché ovunque. Quando le materie plastiche vennero introdotte, i loro inventori, concentrati sul migliorarne le proprietà, non si posero il problema di come smaltirle. Per questa ragione è così difficile oggi riciclarle: semplicemente non sono state pensate originariamente per questo obiettivo. Nel 2019 un team di ricercatori dei Berkley Lab in California ha dimostrato come è possibile realizzare una plastica riciclabile all’infinito. Nota col nome di polidiketoenamina, o più semplicemente PDK, si tratta di una plastica pensata sin dalla nascita con l’idea di essere riciclabile

I segreti del riciclo all’infinito

La plastica tradizionale è spesso combinata con additivi, coloranti e stabilizzanti in grado di conferire colore e consistenze diverse. Durante il processo di riciclaggio, la resina plastica e gli additivi finiscono per venire mescolati dando origine ad un nuovo materiale di qualità inferiore all’originale. Per questo motivo meno del 10% della plastica prodotta al mondo viene riciclata più di una volta. Inoltre, molta plastica riciclata contiene “nuova” plastica per sopperire al calo di qualità dovuto al processo di riciclo. La plastica PDK invece è in grado di venire scomposta nelle sue parti di base. Questo rende facile separare i monomeri plastici dagli additivi e consentire così una plastica riciclabile all’infinito senza perdita di qualità.

Il futuro del riciclo

Come sempre tuttavia a fare la differenza per questo tipo di tecnologie, sono i costi. Per questa ragione il team del Berkley Lab ha studiato il modo per rendere la plastica PDK commercialmente vantaggiosa. In una ricerca recente il team dimostrato il potenziale non solo per un riciclo competitivamente economico, ma anche il vantaggio di riutilizzare plastica PDK invece di produrne di nuova. Produrre nuova plastica è infatti notoriamente più semplice e meno costoso che riciclare quella vecchia.

Eppure, con nuove tecniche produttive in grado di abbassare sempre di più i costi, i ricercatori sono convinti di poter introdurre la plastica riciclabile all’infinito sul mercato in tempi relativamente brevi. Diversi tipi di industrie come quella dell’automobile e dell’elettronica si sono già dimostrate interessate and un cambio di passo. Il futuro di una plastica 100% riciclabile è quindi decisamente più vicino.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.