AmbienteEcologia

L’Islanda vuole ripiantare gli alberi tagliati dai vichinghi

Un tempo ricca di alberi l’Islanda ora rischia di diventare un deserto. Il piano del governo: ripiantare gli alberi abbattuti dalle invasioni dei vichinghi.

Diversi secoli fa l’Islanda era ricca di alberi: fino a un quarto dell’intera superficie dell’isola era boscosa. Oggi con solo lo 0,5% dell’intera superficie dell’isola ricoperta di alberi è la nazione europea con meno alberi in assoluto. La colpa? È dei vichinghi.

Quando le popolazioni vichinghe conquistarono l’isola alla fine del IX secolo, buona parte dell’Islanda era ricca di betulle. Secondo le stime degli archeologi, nel corso di un solo secolo, le popolazioni vichinghe avevano abbattuto oltre il 97% degli alberi. Il legno finiva utilizzato come materiale da costruzione per case, barche e per il riscaldamento.

LEGGI ANCHE: Vuoi il diploma? Devi piantare 10 alberi. La nuova legge nelle Filippine

islanda alberi vichinghi

Niente alberi più alberi, l’Islanda rischia la desertificazione

Non si tratta solo di una curiosità storica: il fatto che in Islanda non ci siano più alberi è un incubo per il dissesto idrogeologico dell’isola e una crisi ambientale con cui gli islandesi hanno dovuto fare i conti per gli ultimi tredici secoli. La quasi totale assenza di alberi significa che il suolo è maggiormente esposto all’azione erosiva e povero di acqua. La situazione è talmente grave ormai che l’isola rischia di trasformarsi in un deserto nonostante la sua posizione relativamente vicina al circolo polare. Diverse città sarebbero regolarmente colpite addirittura da tempeste di sabbia. Fresche, probabilmente, ma non certo piacevoli.

LEGGI ANCHE: 66 milioni di alberi piantati in 12 ore, è record in India

islanda alberi rimboschimento

Per far fronte alla crisi dagli anni ’50 del secolo scorso e con maggiore intensità a partire dagli anni ’90 il governo dell’Islanda sta cercando in tutti i modi di ripiantare gli alberi tagliati dai vichinghi. Non è semplice, tuttavia. Il clima invernale rigido e le costanti eruzioni vulcaniche che ricoprono il suolo di cenere non sono esattamente un incentivo alla crescita.

Il cambiamento climatico aiuta gli alberi dell’Islanda

Eppure il rimboschimento dell’Islanda ha trovato un alleato inaspettato. Considerabile un problema per ogni altro motivo, il riscaldamento globale dovuto all’azione dei gas serra sta alzando le temperature anche in Islanda, rendendo le operazioni di rimboschimento decisamente più semplici fornendo agli alberi un clima più ideale e maggiori quantità di anidride carbonica.

LEGGI ANCHE: Cancellare 100 anni di inquinamento piantando alberi

islanda alberi foreste

Solo negli ultimi quattro anni in Islanda sono stati piantati tra i 3 e i 4 milioni alberi. Non solo le betulle originarie dell’Isola ma anche alberi «stranieri» come pini e pioppi. Secondo gli esperti infatti, la diversificazione della flora aiuterebbe a raggiungere anche altri obiettivi come la cattura di maggiore CO2 e una migliore produzione di legname. Nonostante gli sforzi del governo islandese si tratta purtroppo ancora solo di una piccola goccia nel mare (o nel deserto). Per riportare l’Islanda ad essere un’isola ricoperta di foreste serviranno ancora tanti anni e, soprattutto, tanti alberi.

blank

Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.