Intolleranze e allergieSalute

Intolleranza al caffè: sintomi, cause e come sostituirlo

L’intolleranza al caffè è un disturbo sempre più diffuso. Tra i sintomi, ci sono starnuti, gastrite, reflusso e malessere generale. Fortunatamente, esistono delle alternative.

L’intolleranza al caffè è un disturbo che interessa diverse persone. I sintomi e le cause possono essere diverse: c’è, ad esempio, chi ha una vera e propria allergia al caffè, che si manifesta con starnuti; c’è chi prova malessere dopo averlo bevuto e c’è chi soffre di gastrite o di reflusso e non lo tollera. Ciò, però, che accomuna un po’ tutti è la fatidica domanda: come sostituirlo? Fortunatamente, c’è più di un’alternativa al caffè, tra cui il ginseng e il caffè di cicoria, solo per citarne un paio. Scopriamo di più in merito a questa intolleranza.

intolleranza caffè

LEGGI ANCHE: Caffè molecolare, l’alternativa ecologica al caffè tradizionale

I sintomi dell’intolleranza al caffè

L’intolleranza al caffè porta con sé numerosi sintomi: è, infatti, facilmente riconoscibile, quando si manifestano una serie di disturbi fastidiosi dopo il consumo di questa bevanda calda, amatissima dagli italiani. In alcuni casi, poi, si tratta di una vera e propria allergia alimentare, come confermato da numerosi studi: solo per citarne un paio, una ricerca pubblicata sul Canadian Medical Association Journal e una sull’American Journal of Industrial Medicine. Dopo aver assunto il caffè, è possibile che alcune persone reagiscano con starnuti, che avvertano gastrite, reflusso, malessere in generale, bruciore al naso e agli occhi, tosse, orticaria, gonfiore e, nei casi più problematici, anche tachicardia, dolore allo stomaco, nausea, diarrea o vomito, come riportato da Medical News Today. Non dimentichiamo, inoltre, che la caffeina aumenta la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca.

Le cause

L’intolleranza al caffè presenta alcuni fattori di rischio: ad esempio, l’acidificazione dei tessuti provocati dal caffè – dalla parete gastrica al colon – e il suo abuso. Non dimentichiamo che il caffè stimola la secrezione dei succhi gastrici.

cause intolleranza caffè

Cosa prendere al posto del caffè

Il caffè è amato, soprattutto, per la sua capacità di contrastare la sonnolenza: ricco di antiossidanti, stimola il sistema nervoso e accelera il metabolismo, ma è controindicato in chi soffre di gastrite, colite, bruciore di stomaco, nei soggetti con patologie cardiache e in chi soffre, per l’appunto, l’intolleranza al caffè o l’allergia ad esso. Cosa prendere al posto del caffè, quindi? Come sostituirlo, senza rinunciare alle proprietà energizzanti che lo caratterizzano? Come suggerito da Healthline, ecco alcune valide alternative:

  • Caffè di cicoria: privo di caffeina e ricco di antiossidanti – deriva dalla pianta Cichorium Intybus – rappresenta una bevanda disintossicante nei confronti del fegato e del sangue, che abbassa i livelli di zucchero nel sangue, grazie alla presenza di una fibra solubile come l’inulina.
  • Caffè d’orzo: dall’aspetto simile al caffè, non ha le sue proprietà eccitanti, per cui è adatto a chi soffre di tachicardia, oltre a essere una bevanda diuretica che favorisce la digestione senza effetti negativi per lo stomaco;
  • Caffè verde: si tratta del caffè non torrefatto – i semi sono essiccati e si trova sotto forma di tisana o preparato solubile – dalle proprietà antiossidanti, che riduce l’assorbimento degli zuccheri e favorisce il metabolismo.
  • Tè verde: antiossidante per eccellenza e alternativa al caffè, questa bevanda contrasta i danni provocati dai radicali liberi e previene i tumori, oltre a svolgere un’azione depuratrice, diuretica e protettiva nei confronti del diabete e delle malattie cardiovascolari.
  • Yerba mate: ottenuta dalle foglie essiccate della pianta di yerba mate, è una bevanda ricca di antiossidanti, che contiene mateina e favorisce la concentrazione, oltre ad avere effetti diuretici e digestivi.
  • Caffè al ginseng: il ginseng è la radice di una pianta erbacea, energizzante e in grado di stimolare il sistema immunitario, oltre a diminuire l’affaticamento e la stanchezza cronica.
  • Caffè al tarassaco: privo di caffeina, si prepara ricorrendo alla radice tostata del dente di leone, è ricco di ferro, calcio e potassio e depura sangue e fegato, oltre a regolare il sistema gastrointestinale.
  • Succo di grano: è una bevanda che include orzo, farro e frumento, dal potere energizzante, che combatte la stanchezza, depura l’organismo e rafforza il sistema immunitario, essendo ricca di vitamine e sali minerali.

È bene ricordare che, alla comparsa di disturbi collegabili a una possibile intolleranza al caffè, è sempre opportuno rivolgersi al medico che saprà effettuare una corretta diagnosi: generalmente, si procede eliminando dalla dieta il caffè e la caffeina – contenuta anche in altri alimenti – così da osservare eventuali miglioramenti.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

blank
Appassionata da sempre di scrittura, lingue, animali, musica, serie TV e film, mi divido tra questi e altri interessi, cercando di fare delle mie passioni un lavoro e continuo oggetto di studio. Lavoro da anni come web writer e web content editor per alcune testate giornalistiche online, trattando diversi temi tra cui alimentazione veg, animali, salute e benessere.