Cosmesi

Il tuo make up è veramente eco friendly?

Avere un make up veramente eco friendly è tutt’altro che semplice, ma i grandi marchi si stanno muovendo in quella direzione per salvaguardare l’ambiente.

Far diventare il proprio make up veramente eco friendly non è impossibile, soprattutto grande ai grandi marchi che si stanno dimostrando sempre più sensibili all’argomento clima. D’altra parte però il primo passo dovrebbe arrivare da noi, capire quanto la nostra routine davanti allo specchio sia salutare per l’ambiente. E il nemico numero uno rimane bene o male sempre lo stesso: la plastica non riciclabile.

LEGGI ANCHE: Plastic free arriva il marchio di garanzia contro la plastica

make up eco friendly

Cosa rende il tuo make up non ecologico

Cambiare le nostre abitudini nel frangente make up potrebbe essere il primo passo per ridurre la nostra impronta ambientale. Sentiamo costantemente parlare di come la routine a tavola, nel fare la spesa, nello spostarsi e in ogni altro aspetto della vita possa fare la differenza, e per i cosmetici vale lo stesso.

Si calcola che un terzo delle discariche negli USA sia riempito proprio da prodotti per la cura personale. Barattoli in plastica non riciclabili di fondotinta o shampoo, assieme a cotton fioc e palette di trucchi, sono oggetti che tendono ad accumularsi nell’immondizia, senza alcuna possibilità di vedere una seconda vita. L’antitesi del make up eco friendly.

Uno dei motivi per cui finora è stato così difficile trovare prodotti più vicini all’ambiente lo spiega bene Tiila Abbitt, esperta di confezioni sostenibili: «i grandi marchi preferiscono mettere i clienti davanti all’ambiente. Una confezione difficilmente veniva studiata per essere riciclabile, ma per trasmettere le migliori sensazioni a chi la acquistava.»

make up non ecologico

Come far diventare il tuo make up veramente eco friendly

Le cose però stanno cambiando sempre più rapidamente: il mondo intero si sta accorgendo di quanto sia pericolosa la plastica usa e getta e sono sempre di più i prodotti messi al bando, uno su tutti le cannucce. A breve ogni singolo prodotto studiato per avere un singolo utilizzo prima di finire in discarica finirà fuori commercio e l’industria del make up si sta adeguando.

Le soluzioni riciclabili si moltiplicano a vista d’occhio e i dispenser di prodotti sono studiati per essere ricaricati una volta finiti. Se quanto si può rigenerare viene conservato e quel poco che si è costretti a buttare è biodegradabile, allora si può fare davvero la differenza. Per questo motivo però è necessario anche che i clienti facciano attenzione ai prodotti che acquistano.

diventare make up ecofriendly
  • Gli specchi per esempio non sono riciclabili e sarebbe meglio evitare di comprare prodotti come fondotinta o cipria quando hanno uno specchio integrato.
  • I prodotti con una «pompetta integrata», come il classico sapone in barattolo, sono molto difficile da riciclare, meglio acquistare un altro tipo di dispenser.
  • Gli applicatori per mascara o rossetto sono un altro oggetto che sarebbe meglio evitare
  • Ogni confezione, oggetto e prodotto che contiene magneti è praticamente impossibile da riciclare, un’altra cosa da tenere presente prima di fare acquisti.
  • I pennelli da make up sono un altro esempio di oggetto legato alla cosmesi molto difficile da riciclare, meglio stare attenti.

Se riuscite a evitare questi 5 particolari prodotti il vostro make up diventerà subito più eco friendly, contribuendo non solo a salvare il pianeta, ma anche a cambiare l’industria dei cosmetici nel mondo.

TOPIC make up
REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.