FoodGastronomia

Il miele biologico e selvatico che salva le api

Grazie al suo miele biologico e selvatico Michael Joshin Thiele vuole salvare le api americane, messe sotto pressione da pesticidi, calo di biodiversità e cambiamento climatico.

Il miele biologico e selvatico potrebbe essere la soluzione giusta per salvare le api. Lo sostiene Michael Joshin Thiele, originario della Germania ma ormai californiano a tutti gli effetti, un uomo che sta crescendo a mani nude questi insetti per capirli a fondo. L’idea di lasciare le api libere nella natura, anziché legarle a operazioni di impollinazione agricola, potrebbe salvarle da una drammatica estinzione.

miele biologico selvatico

Come si raccoglie il miele selvatico

Il progetto ha preso vita, in maniera più concreta, nel 2017 con il nome di Apis Arborea, che strizza l’occhio al nome della specie, Apis mellifera, la più diffusa in questo momento tra gli apicoltori. L’idea è quella di combattere i tre fattori che indeboliscono di più questi insetti: il calo della biodiversità, l’utilizzo eccessivo dei pesticidi e il cambiamento climatico, che riduce drasticamente l’habitat di questi insetti.

raccoglie miele selvatico
Foto di Atlas Obscura

Michael Joshin Thiele vuole cambiare approccio e utilizzare le sue api non nei campi o nei frutteti, come avviene nella maggior parte dei casi, ma in mezzo alla natura. Il risultato sono insetti più selvatici, che non entrano in contatto con i campi trattati chimicamente ma solo con coltivazioni biologiche. Inoltre le api sono libere di alimentarsi nei boschi selvatici, dove il loro ruolo di impollinatrici è considerato ancora più importante.

Il signor Thiele sostiene di capire fino in fondo le necessità di questi insetti, al punto che ha cominciato a costruire i suoi alveari utilizzando esclusivamente materiali naturali, così che gli insetti possano sentirsi effettivamente a casa. Il risultato è un miele biologico e selvatico raccolto a mani nude da alveari fissati sugli alberi. Oltre ad essere delizioso, aiuta anche le api a tornare nei loro habitat ancestrali, salvandole da una possibile estinzione.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.