AmbienteFoodScienza

Gli alimenti biologici sono più sicuri da mangiare?

Ovviamente la risposta è si, ma senza pesticidi, erbicidi e modificazioni la natura si sta organizzando da sola producendo sostanze chimiche per proteggersi.

Qualsiasi giornale o portale web nel corso degli ultimi anni si è dedicato ai benefici (o meno) degli alimenti biologici e ai lati negativi (o meno) degli alimenti coltivati ​​convenzionalmente con pesticidi ed erbicidi. Un nuovo studio  del The American Council on Science and Health ha analizzato recentemente i dati raccolti in molti anni di studi ed ha affrontato questo dilemma da un nuovo punto di vista.

Se vengono a mancare i sistemi di protezione artificiale dell’uomo alle coltivazioni la natura si adatterà e si organizzerà quindi per sopravvivere. Questi sono quindi ugualmente dannosi per l’uomo?

organico sicuro

Il cibo, sia biologico che convenzionale, è una combinazione di sostanze chimiche, molte delle quali fondamentali per il nostro corpo per funzionare bene. Gli alimenti biologici provengono da piante coltivate senza aggiunta di pesticidi, erbicidi o modificazioni genetiche, mentre gli alimenti coltivati ​​convenzionalmente possono utilizzare uno o più di questi prodotti.

Tuttavia, non tutte le sostanze chimiche prodotte naturalmente dagli alimenti sono utili al nostro corpo e alcune di esse sono dannose a un certo livello, come troppa aflatossina – un prodotto fungino naturale – nel burro di arachidi.

Le piante che coltiviamo producono naturalmente pesticidi ed erbicidi per proteggersi da insetti ed erbe infestanti. Ogni giardiniere che ha cercato di coltivare pomodori vicino a un albero di noce può dirti che è vero: le radici dell’albero di noce producono un erbicida che è velenoso per le piante di pomodoro. L’uso di pesticidi ed erbicidi, di origine umana o naturale, spesso porta a piccoli livelli di queste sostanze chimiche nel nostro cibo.

La modificazione genetica (GM) di una coltura alimentare, sia in laboratorio che attraverso l’incrocio tradizionale, è spesso un modo per far sì che la coltura sviluppi un nuovo pesticida o erbicida o per aumentare il livello di una naturale già esistente.

Tale modifica può anche fornire alla coltura un modo per resistere ai danni causati da un erbicida di origine umana. Quindi il mais può essere geneticamente modificato in laboratorio per produrre una proteina per proteggerlo dal danno degli insetti e allo stesso tempo per resistere al danno degli erbicidi di origine umana usati per uccidere le erbacce.

L’uso del mais GM con entrambe queste caratteristiche è ormai all’ordine del giorno in agricoltura perché non solo aumenta i raccolti, ma riduce anche l’aratura, l’erosione del suolo e l’uso di pesticidi ed erbicidi convenzionali. Ovviamente, il mais è stato geneticamente modificato attraverso l’incrocio tradizionale per anni per aumentare i raccolti e resistere ai parassiti.

Fatte queste premesse la domanda è sempre la stessa: Gli alimenti biologici sono più sicuri da mangiare? O forse, i piccoli livelli di pesticidi, erbicidi e modificazioni genetiche nel nostro cibo, siano essi prodotti dall’uomo o naturali, sono comunque dannose?

Molte organizzazioni lavorano quotidianamente per rispondere a quest’ultima domanda. Di fatto, decine di milioni di dollari (o euro) vengono spesi dalla scienza per rispondere a questa domanda e per supportare la qualità di quello che mangiamo e quindi la nostra salute.

I livelli di produzione di pesticidi ed erbicidi naturalmente prodotti dalle piante sono stati confrontati con le esposizioni previste quando il pesticida, l’erbicida o la modificazione genetica vengono applicati dall’uomo e come è facile intuire se le esposizioni previste sono inferiori ai livelli di sicurezza le sostanze chimiche dei prodotti biologici non sono dannose.

Sebbene tali test non vengano generalmente condotti su sostanze chimiche vegetali presenti in natura, l’esperienza umana suggerisce che le esposizioni a molti di questi pesticidi, erbicidi o modificazioni genetiche presenti in natura siano attualmente sempre al di sotto dei livelli di allarme. Quindi la natura, ancora una volta, compie egregiamente il suo dovere.

La domanda quindi non sembra avere nuove sconvolgenti risposte. L’assunzione di cibo biologico è più sicura a patto che le sostanze prodotte dalle piante naturalmente per proteggersi siano al di sotto dei limiti. Inoltre gli alimenti coltivati ​​biologicamente possono mantenere meglio una pratica agricola sostenibile, ridurre gli impatti ambientali (pesticidi, erbicidi o piante geneticamente modificati dall’uomo) e ridurrebbero i danni accidentali e spesso dimostrati ai lavoratori dall’esposizione eccessiva a queste sostanze chimiche.

Tuttavia, per dovere di cronaca, alcune fonti sostengono che il contenuto nutrizionale degli alimenti coltivati ​​con entrambi i metodi non sembra differire.

FONTI: 

Forman J. and J. Silverstein. 2012. Organic Foods: health and environmental advantages and disadvantages. Pediatrics: 2012-2579. October 22.

Jason J. Hlywka , Gerald R. Stephenson , Mark K. Sears , Rickey Y. Yada. 1994. Effects of insect damage on glycoalkaloid content in potatoes (Solanum tuberosum). J. Agric. Food Chem., 42 (11), pp 2545–2550.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.