AmbienteAttualitàFood

Futura alimentazione sostenibile: il pesce sarà un alimento chiave

Mettere a punto una futura alimentazione sostenibile è vitale per il pianeta e a occupare un posto di rilievo potrebbe inaspettatamente essere il pesce.

Riuscire a concepire una futura alimentazione sostenibile non è semplice, ma una recente ricerca ha aperto nuove prospettive. L’idea è quella di assegnare un ruolo chiave al pesce e al cosiddetto Blue Food e di provare così a combattere contemporaneamente crisi climatica e fame nel mondo. Il lavoro è apparso particolarmente innovativo e, per quanto non manchino le difficoltà, i dati raccolti fanno ben sperare.

futura alimentazione sostenibile

Pesce e alimentazione:

Cercare soluzioni per una futura alimentazione sostenibile è una priorità. La Blue Food Assessment ha così riunito più di 100 scienziati, da 25 istituzioni, e ha analizzato il ruolo del Blue Food. Questo, identificabile con tutto il cibo proveniente da mari, oceani e acqua dolce, fornisce già sostentamento a 3.2 miliardi di persone e ha enormi potenzialità. Nel mondo vengono attualmente consumate più di 2.500 specie di piante e animali acquatici, con 400 di questi ultimi allevate. La varietà disponibile in acqua è dunque amplissima, ma tracciare un quadro chiaro non è semplice. Il Blue Food viene spesso considerato nel suo insieme e i dati sulle singole fonti di cibo risultano carenti.

Alimentazione sostenibile:

Nella messa a punto di una futura alimentazione sostenibile l’acqua sarà insomma centrale. Metà del pesce consumato è oggi ancora pescato, ma l’allevamento, ben più eco-friendly, è in continua crescita. Salmoni, trote e carpe, specie diffuse in tale ambito, sono molto più sostenibili dei bovini e hanno un impatto simile a quello dei polli. Altri animali commestibili, come cozze e ostriche, giovano, poi, all’ambiente, favorendo il riequilibrio dei nutrienti. Gli ecosistemi acquatici sono per altro una risorsa incredibile dal punto di vista nutrizionale. La trota ha 19 volte più omega-3 della carne di pollo; la carpa fornisce 9 volte più calcio e ostriche o cozze contengono 76 volte la sua quantità di vitamina B-12.

Alimentazione e futuro:

Riflettere su una futura alimentazione sostenibile appare oggi doveroso. Perché il Blue Food possa rivelarsi a basso impatto sono necessari interventi. Pesca industriale e tecniche invasive dovrebbero essere abbandonate in favore di piccoli e medi pescatori e dell’attenzione alla salute degli ecosistemi. Nell’allevamento privilegiare determinate specie potrebbe, poi, fare la differenza. Tutelare le comunità costiere, particolarmente vulnerabili a causa della crisi climatica, deve diventare una priorità e la speranza è che un aumento della domanda per il Blue Food possa aiutare concretamente. Ciascuno è comunque tenuto a mettersi in prima linea facendo scelte alimentari consapevoli e mantenendo una dieta equilibrata.

Nella costruzione di una futura alimentazione sostenibile equilibrio non potrà che essere la parola d’ordine. La nuova iniziativa ha mostrato che vegetarianesimo e veganismo non sono le uniche strade percorribili per chi ha a cuore l’ambiente. L’acqua potrebbe ancora una volta rivelarsi la nostra miglior risorsa ed evitare di dimenticarcene appare quantomeno una buona idea.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.