Attualità

Formula 1: carburante sostenibile al 100% per le auto entro il 2026

Fonti del mondo Formula 1 rivelano che per il 2026 dovrebbe essere messo a punto un carburante completamente sostenibile per le vetture in gara.

La Formula 1 punta a diventare un po’ più green. I più critici verso questo sport saranno scettici dopo questo annuncio, dato che si parla di uno sport legato con un filo diretto al settore dei combustibili fossili. Diciamo allora che punta a diventare un po’ più green senza rinunciare alla sua identità. La novità, infatti, non c’è l’abbandono al motore termico, ma l’introduzione di un nuovo carburante 100 percento sostenibile per alimentare le auto in gara entro il 2026. Ma c’è di più: la benzina in futuro potrebbe essere utilizzato anche dalle normali auto che circolano sulle strade di tutto il mondo.

Formula 1, carburante sostenibile al 100% per le auto entro il 2026
Foto: Spencer Davis @Unsplash

Il carburante sostenibile per la Formula 1

Al lavoro sulla messa a punto del carburante completamente sostenibile c’è Pat Symonds, responsabile tecnico della Formula 1. Symonds, attualmente a capo di una squadra focalizzata sul progetto, l’ha definita “una sfida affascinante” in un’intervista rilasciata al sito Formula1 della Fia, la Federazione Automobilistica Internazionale.

Stiamo lavorando con Aramco (grande azienda saudita produttrice di combustibili fossili ndr) e fino ad ora abbiamo testato 39 miscele surrogate di carburante”, ha rivelato Symonds. “Ciò ci ha aiutato a capire gli effetti dei differenti tipi di miscela che si possono usare in una benzina sostenibile. Stiamo provando questi carburanti in un’unità a singolo cilindro per la Formula 1 e penso che questo stia aiutando ad accelerare i progressi”.

Negli ultimi anni, la benzina usata in Formula 1 è già stata modificata guardando alla sostenibilità. Le auto di nuova generazione in gara in questa stagione sono infatti alimentate con la “E10”, una miscela composta dal 90 percento di benzina normale e il 10 percento di etanolo rinnovabile. “Il 10 percento di etanolo che stiamo aggiungendo ora è completamente sostenibile”, ha spiegato Symonds.

Auto alimentate in modo sostenibile entro il 2026

L’obiettivo della Formula 1 è avere pronta questo nuovo carburante sostenibile per il 2026. “Stiamo lavorando su una ‘E fuel’ il cui ciclo di carbonio sia completamente neutrale – ha aggiunto Ross Brawn, direttore generale Motorsport Formula 1, in modo tale che la quantità di anidride carbonica usata per produrre il carburante sia la stessa di quella generata dalla combustione interna del motore. Ciò significa che i motori non aggiungeranno Co2 nell’atmosfera”.

Un carburante per tutte le macchine

Ma l’aspetto interessante è che potenzialmente, almeno stando a quanto afferma Brawn, il carburante sostenibile potrebbe essere usata in futuro anche dai circa 2 miliardi di automobili comuni con motore termico che circoleranno ancora per le strade del mondo. “Il grande fascino di questa cosa è che, quando troveremo la soluzione, potrà essere usata per le macchine normali, senza effettuare modifiche ai motori”, ha spiegato il direttore generale.

Avremo quasi due miliardi di motori a combustione interna sul pianeta – ha aggiunto –. Qualsiasi soluzione elettrica troviamo e qualsiasi soluzione a idrogeno mettiamo a punto, rimarranno sempre due miliardi di auto in circolazione. Ci sono parti del mondo in cui quelle vetture non saranno sostituite con un modello elettrico”.

blank
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food