AttualitàLifestyle

Disney Frozen parla di sostenibilità ma… è fatta di plastica

Fin dalla sua uscita nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, il film d'animazione Disney Frozen 2 è stato utilizzato come mezzo per parlare di ambiente ai bambini ma purtroppo il mercato dei giocattoli a tema Frozen sembra non essere coerente con i messaggi del film.

Frozen 2 è uscito nelle sale ormai da qualche mese, sequel del primo Frozen (2013) che al tempo era diventato il film di animazione con maggior incassi nella storia del cinema.

Dalla sua uscita, Frozen 2 è stato utilizzato come mezzo per parlare di ambiente ai bambini. Nella film di animazione Disney, le protagoniste Elsa e Anna (sorelle) sono partite per salvare il regno di Arendelle, dopo aver scoperto che le generazioni precedenti avevano trascurato la natura e portando una maledizione nel regno.

Il tema autunnale di Frozen 2 è in netto contrasto con l’inverno perpetuo del film originale, forse per rappresentare le stagioni che cambiano e le preoccupazioni per i cambiamenti climatici.

Il film ruota attorno all’idea di ispirare il cambiamento, che può essere ritrovato anche nella nuova canzone di successo “The Next Right Thing”. Nei testi, il personaggio principale Bell canta simbolicamente sullo stato attuale del pianeta.

Tuttavia, nonostante le sfumature ambientali, dopo l’uscita del film sono stati messi in vendita milioni di giocattoli di plastica ispirati ai personaggi della pellicola. I giocattoli tematici sono un’attività molto redditizia per la Disney, basti pensare che per le licenze di Frozen la Disney ha accumulato 107,2 miliardi di dollari. Proprio da questo grande successo deriva il modo di dire, molto usato nel marketing americano, “l’effetto Frozen”.

La BBC ha riferito che l’anno scorso i consumatori hanno speso £ 370 milioni in giocattoli. Inoltre, secondo la British Heart Foundation, oltre un quarto dei genitori britannici ammette di aver scartato giocattoli perfettamente funzionanti.

Gli enti di beneficenza ecologici ora avvertono che l’industria dei giocattoli di plastica è colpevole di enormi quantità di rifiuti plastici che finiscono nelle discariche e negli oceani.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.