FoodGastronomia

Riso Acquerello Carnaroli vs riso Carnaroli classico

Per capire la differenza tra riso Acquerello Carnaroli e riso Carnaroli classico occorre concentrarsi sui metodi di lavorazione, in particolare sull’invecchiamento del riso.

Conoscere la differenza tra riso Carnaroli classico e riso Acquerello Carnaroli significa saper distinguere tra due varianti di uno dei risi più pregiati al mondo, il Carnaroli appunto, nato dall’incrocio tra Lencino e Vialone. Questo prodotto è spesso conosciuto come re dei risi, e nella tenuta Colombara viene lavorato con alcuni passaggi particolari, compreso il tipico invecchiamento, che può durare dal singolo anno fino a 7.

riso acquerello

LEGGI ANCHE: Il riso è senza glutine?

Il riso Carnaroli

Prima di approfondire la differenza tra riso Carnaroli classico e riso Acquerello Carnaroli è utile approfondire le caratteristiche del primo, visto che è considerato tra le varietà di riso più pregiate coltivate in Italia. Nato nel 1945 ma diffusosi in tutta Italia solo durante gli anni ‘80, fin da subito è percepito come un’eccellenza gastronomica: il tipico colore perlato, assieme ad una elegante forma allungata, fanno sì che il Carnaroli tenga alla perfezione la cottura, rimanendo integro e sodo.

Un altro aspetto apprezzato del riso Carnaroli classico è il suo contenuto di amido, in grado di assorbire bene diversi tipi di condimento, dal brodo più liquido a salse più dense, compreso burro o panna nella fase di mantecatura. Il suo sapore risulta, secondo molti, delicato e leggermente dolce, adatto ad abbinarsi a diversi ingredienti.


Il riso Acquerello Carnaroli

Entrando nel merito della differenza tra riso Carnaroli classico e riso Acquerello Carnaroli, bisogna valutare alcuni passaggi della produzione di quest’ultimo. Si tratta della stessa varietà del classico, come si intuisce dal nome, ma è nella lavorazione che si crea la vera distinzione. Il riso è coltivato in maniera tradizionale e all’interno della stessa Tenuta Colombara avvengono tutte le diverse fasi della lavorazione. In particolare questo prodotto subisce quello che viene definito come «invecchiamento del risone», una tecnica che rende unico il riso Carnaroli Acquerello.

La differenza tra riso Carnaroli classico e riso Acquerello Carnaroli sta proprio nel profilo nutrizionale: con il reintegro della gemma del riso durante la lavorazione la varietà Acquerello acquista caratteristiche nutritive simili a quelle del riso integrale, conservando però le qualità gastronomiche del riso classico. In parole povere questa tipologia di prodotto risulta più ricca in amminoacidi, vitamine e sali minerali.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.