FoodFrutta & Verdura

Differenza tra caco e caco mela

Vi siete mai chiesti quale sia le differenza tra caco e caco mela? Immancabili nella stagione fredda questi due frutti sono caratterizzati da piccole ma significative differenze.

L’inverno è la stagione dei cachi, ma pur gustandoli nelle fredde giornate della stagione, non tutti conoscono la differenza tra il caco e il caco mela. Premettiamo che su questi frutti esiste più di un fraintendimento, a partire dal nome: caco, kako, caco mela, kako mela, cacomela; sono tutti appellativi utilizzati. Facciamo un po’ di chiarezza.

differenza caco e caco mela

Il caco

Il caco, il cui nome scientifico è Diospyros kaki, è il frutto di una pianta originaria dell’Asia orientale. Pare sia stata una delle prime piante da frutto coltivate dall’uomo, con fonti che ne testimoniano la coltivazione in Cina già 2000 anni fa. Il frutto ha una forma sferica e un colore che varia dal giallo acceso, fino all’arancione, per giungere in certi casi a tonalità brune. Caratterizzato da una forte astringenza, non di rado, viene consumato in uno stato di «sovramaturazione», ossia quando assume una colorazione più scura e la polpa risulta più morbida. Le prime coltivazioni in Italia si sono diffuse al sud, specialmente in Sicilia per poi conquistare l’intero stivale. La pianta del caco si trova a suo agio nei climi freschi, mentre malsopporta quelli caldi e umidi. È un frutto altamente energetico ricco di zuccheri e proteine, con un ottimo apporto di vitamina C e vitamine del gruppo B.

caco mela

Il caco mela

Il caco mela non è altro che il frutto originato da alcune varietà di caco, nello specifico il Hana Fuyu, O’Gosho, Fuyu e Jiro. La principale differenza con il frutto tradizionale è la scarsa presenza di tannini, sostanze che sono responsabili dell’astringenza della frutta. Questa caratteristica fa sì che il caco mela possa essere consumato anche prima che abbia raggiunto il massimo grado di maturazione, risultando così più simile alla mela per la modalità di consumo. La questione non riguarda quindi incroci di piante diverse o innesti creativi, ma semplicemente una differenza intrinseca delle varietà dello stesso frutto. Le proprietà del caco mela sono paragonabili a quelle del caco, ma la possibilità di consumarlo non ancora giunto a maturazione lo rendono più fruibile rispetto alla controparte. Questo fa sì che venga spesso scelto dagli sportivi come fonte di energia sana e naturale. Così come il caco tradizionale, anche il caco mela, viene spesso utilizzato per la preparazione di dessert e dolci conserve.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.