Dolci & PasticceriaFood

Crostata bio con frolla di riso, crema al latte e gelèe al kiwi

La ricetta per la crostata bio, personalizzata con disegni o loghi in frolla di riso, è un vero trend del momento ed è uno spasso prepararla in casa. Vi basterà scegliere il soggetto da realizzare, stamparlo su carta e ritagliarlo, per poi trasferirlo sulla vostra crostata in versione di frolla. Renderete speciale ogni momento/dessert e stupirete i vostri ospiti con effetti speciali. Ho scelto di aggiungere la farina di riso all’impasto della frolla per regalare friabilità ad ogni fetta. Inoltre, sostituendo il burro con l’olio, sarà possibile stenderla immediatamente senza il classico riposo in frigorifero.

crostata bio frolla di riso crema latte gelee kiwi

Si potrà aromatizzare con cannella, vaniglia o scorza di agrumi in base al proprio gusto ma se volete ottenere un sapore unico la fava tonka è indubbiamente la scelta più azzeccata. La crema budino, invece, creerà un delicato e candido strato di dolcezza pronto per accogliere e smorzare l’asprezza del kiwi. Ogni fetta sarà una gioia per gli occhi e ogni boccone un vero piacere per il palato!

Preparazione:
30 minuti
Difficoltà:
alta
cottura:
40 minuti
Costo:
medio
Preparazione: 30 minuti
Difficoltà: alta
Cottura: 40 minuti
Costo: medio

Ingredienti per tortiera da 24cm

Frolla

  • 180 g di farina di tipo1macinata a pietra
  • 50 g di farina di riso bio
  • 70 g di zucchero semolato
  • 60 g di olio di mais bio
  • 1 uovo bio
  • 5 g di baking powder o lievito per dolci
  • ½ fava tonka

Crema budino

  • 500 ml di latte fresco parzialmente scremato
  • 50 g di maizena
  • 50 g di zucchero semolato
  • Scorza di limone bio

Gelèe al kiwi

  • 300 g di polpa di kiwi (circa 3 grandi)
  • 25 g di zucchero a velo
  • 20 g di succo di limone bio (circa ½)
  • 6 g di agaranta (o 4 fogli di colla pesce)

Procedimento

Setacciare le farine con il baking. Sbattere l’olio con l’uovo, la fava tonka grattugiata e lo zucchero. Versare le farine tutte in una volta e lavorare fino ad ottenere un impasto compatto.
La frolla può essere realizzata a mano o nella planetaria con il gancio a foglia come ho fatto io. Stendere aiutandosi con poca farina di riso e il mattarello in uno spessore di 4mm.

impastare frolla planetaria

Ungere una tortiera e adagiarci la frolla. Rifilare i bordi con una rondella dentellata. Bucherellare il fondo con i lembi di una forchetta per evitare che rigonfi in cottura.

cottura con legumi secchi

Rivestire con carta da forno e rovesciarci dei legumi secchi. Cuocere in forno statico preriscaldato a 200°C per 15 minuti. Poi eliminare la carta da forno con i legumi e proseguire la cottura per altri 15 minuti. Sfornare e far raffreddare. Poi eliminare la tortiera e adagiare il guscio di frolla sul piatto di portata.

forno cuocere tortiera

Nel frattempo ritagliare l’immagine che si desidera realizzare sulla crostata. Stendere come indicato sopra la frolla avanzata e ritagliare con un coltellino affilato la sagoma. Rimpastare gli scarti e ricavarne dei biscottini utili per la decorazione finale.

ritagliare l immagine

Adagiare tutto su un foglio di carta da forno e far riposare in freezer. Cuocere in forno statico preriscaldato a 200°C per circa 10-12 minuti o fino a doratura. Sfornare e far raffreddare su una gratella.

riposare in freezer
cuocere frolla forno statico

Preparare la crema budino.

ingredienti crema budino

Versare in una pentola lo zucchero e la maizena. Unire il latte a filo e battere bene con una frusta a mano per evitare la formazione di grumi. Aggiungere la scorza di limone e mettere sul fuoco. Cuocere mescolando spesso fino ad ispessimento.

zucchero maizena latte
cuocere mescolando la crema al latte

Versare nel guscio di frolla e livellare la superficie. Trasferire in frigo a solidificare per circa 2 ore.

versare crema budino latte

A questo punto preparare la gelèe ai kiwi. Sbucciare i kiwi e tagliare la polpa a pezzi.

gelee kiwi

Trasferire nel bicchiere del frullatore insieme allo zucchero a velo e al succo di limone. Frullare finemente. Se si desidera ottenere una gelèe liscia e senza semi filtrare attraverso un colino. Versare ¾ del composto in una pentola e mettere su fiamma bassa. Mescolare a freddo la restante con l’agaranta, poi aggiungere in pentola e cuocere per 2 minuti mescolando spesso con una frusta. Togliere dal fuoco e versare sulla crema budino. Livellare la superficie con una spatola.

frullare gelee kiwi
crema budino latte e kiwi

Decorare subito con le sagome di frolla ed i biscottini. Trasferire quindi in frigorifero per almeno 2 ore.

decorare sagoma di frolla

Consigli utili

  • L’agaranta è un gelificante completamente vegetale. Sostituibile con 4 fogli di colla di pesce.
  • Gli aromi, come la fava tonka, si aggiungono sempre insieme ai grassi. In questo modo il loro sapore e profumo sarà amplificato e ben distinguibile anche nel prodotto finito.
  • Cuocere con un peso sull’impasto, come nel caso di questa ricetta sfruttando i fagioli, si chiama «alla cieca». Esistono in commercio anche dei pesi o delle sfere idonei all’operazione.
  • Per il logo di questa ricetta ho stampato su carta quello di inNaturale e l’ho ritagliato.
  • Il passaggio in freezer per l’impasto permetterà di mantenere la sagoma perfetta anche in fase di cottura.
consigli utili crostata bio

La torta andrebbe servita ben fredda. Le fette si tagliano con facilità con un coltello seghettato senza incidere sulla decorazione. La fetta resta bella compatta e dalla consistenza perfetta per una presentazione impeccabile anche a tavola. Mentre la frolla può essere preparata in anticipo, conservandola in frigorifero avvolta in pellicola trasparente fino a 4 giorni, la crema budino e la gelèe è da preparare al momento.
Se stavate cercando l’idea giusta per rendere la vostra crostata unica, l’avete trovata! Mettetevi all’opera e date libero sfogo alla fantasia!

crostata bio servire ben fredda
TOPIC bioricetta
blank
Autrice del blog di cucina "I biscotti della zia". Assaggiatrice del mondo, curiosa e vorace di sapore nuovi. La cucina è stata la mia salvezza ed oggi è diventata la mia vera passione.