FoodNutrizioneSalute

Cos’è la vitamina K e dove si trova

Non è nota come le vitamine A o B, ma svolge delle funzioni fondamentali nel nostro organismo come favorire la coagulazione del sangue

La vitamina K è un po’ come quei giocatori che danno sempre il loro contributo alla squadra ma non si notano mai in campo. Qui spiccano quelli che fanno le giocate più spettacolari. Nel settore delle vitamine, le fuoriclasse, quelle di cui si ricordano tutti, sono le A, B, C, D e/o la E. Ma la vitamina K non ha un ruolo di secondo piano. Anch’essa dà il suo contributo alla causa  tenere in buona salute il nostro organismo – anche se i modo meno conosciuto ed evidente.

La vitamina K, fornita da varie verdure a foglia come gli spinaci, non è nota come le vitamine A o B, ma svolge delle funzioni fondamentali nel nostro organismo

Le funzioni della vitamina K

Nota anche come naftochinone, è fondamentale soprattutto per garantire la giusta coagulazione del sangue. In parole semplici, favorisce quel meccanismo di riparazione delle ferite che va a interrompere le emorragie. La scoperta risale a 90 anni fa ed è merito dello scienziato danese Henrik Dam (Premio Nobel nel 1943). Dam fece seguire a dei pulcini una dieta senza colesterolo, quando notò negli animali un eccessivo sanguinamento. Approfondendo la conseguenza, scoprì che era dovuto all’“esaurimento di un composto anti-emorragico”, che chiamò vitamina K (dalla parola danese “koagulation”).

Le funzioni di questa vitamina dimenticata sarebbero però molto più numerose e ancora tutte da scoprire. Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno scoperto che dalla vitamina K dipendono anche le proteine presenti in molti tessuti del nostro corpo. Ad esempio, nei tessuti arteriosi le aiuta a prevenire la calcificazione, una possibile causa di attacchi cardiaci. Inoltre, essendo le stesse proteine presenti anche nelle cartilagini e nelle ossa, si sta cercando di capire anche come potrebbero essere coinvolte nel processo che porta alla osteoartrosi.

Dove si trova la vitamina K

Come nel caso della vitamina B, esistono molte varianti di vitamina K. Gli scienziati ne hanno individuate almeno 12. Il nostro fabbisogno viene normalmente soddisfatto grazie a una dieta equilibrata. La vitamina K1 (fillochinone), di origine vegetale, è quella che assumiamo di più. Si trova nelle verdure verdi a foglia come gli spinaci e i cavoli verdi, e negli oli vegetali, come quelli di soia e di canola. La vitamina K2 (menachinone) è di origine batterica ed è presente in diverse quantità nei prodotti di origine animale. Ma è anche prodotta dal microbiota intestinale, anche se il suo valore nutrizionale rimane incerto.

Il fabbisogno di vitamina K

È raro che una persona abbia carenza di vitamina K. Anche se sono emerse le prime prove scientifiche che un basso apporto di questa vitamina possa influenzare certi parametri sanitari (slegati dalla coagulazione), queste evidenze non giustificano la necessità di ricorrere agli integratori. Una sana dieta fornisce le giuste dosi di cui abbiamo bisogno.

Lo specifica Kyla Shea, scienziata del centro di ricerca sulla nutrizione umana Jean Mayer USDA della Tufts University (Massachusetts – Stati Uniti) e membro dell’unico team di ricerca al mondo che sta concentrando i suoi sforzi nello studio di questa vitamina. Il lavoro di questa squadra punta soprattutto a capire come la vitamina K fornita dal cibo favorisca un sano invecchiamento.

Un primo obiettivo raggiunto dal team è stata la definizione della dose giornaliera “adeguata”. Le ancora scarse evidenze scientifiche non hanno consentito di fissarne una “raccomandata”. Per gli uomini sopra ai 18 anni l’apporto adeguato è di 120 microgrammi al giorno, mentre per le donne è di 90. Una solo tazza di spinaci crudi contiene circa 145 microgrammi di fillochinone. L’Humanitas Research Hospital di Rozzano (Milano) indica un fabbisogno giornaliero di 140 microgrammi per un adulto, ribadendo che è normalmente raggiunto con una normale dieta.

blank
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food