Cibi etniciFood

Cos’è il thali, il piatto tipico della tradizione indiana

Molto più di un semplice piatto tipico, il thali è parte integrante della cultura indiana ma cos’è esattamente?

Per chi viaggia in India è impossibile non imbattersi nel thali. Parte integrante della tradizione culinaria del subcontinente è servito in quasi tutti i ristoranti nella maggior parte delle regioni. Nella cultura indiana non è considerato un piatto di tutti i giorni, ma è parte integrante invece di festival, ricorrenze, celebrazioni o eventi. Tra le caratteristiche principali del piatto è quella di cambiare a seconda della località e della stagione, fornendo l’opportunità di assaggiare prodotti locali freschi.

thali
Foto: Zac Davies @Flickr

L’origine del Thali, il piatto tipico indiano

Thali è un pasto completo servito su un unico piatto, sconsigliato a chi non ha particolarmente fame. Un thali può contenere infatti fino a 15 diversi piatti e contorni! Ma partiamo dall’inizio, il termine in hindi ha (tra altri) il significato di “piatto” riferendosi proprio al piatto di acciaio su cui in genere viene servito il cibo. Ordinando un thali al ristorante riceveremo quindi un grosso piatto in acciaio con almeno una decina di altre ciotole o contenitori chiamati katori. I katori contengono diverse specialità indiane a base di frutta, verdura, carne e pesce. Secondo la tradizione il thali è un piatto che arriva originariamente dal sud del paese dove, in tempi antichi veniva presentato su foglie di banana. Oggi quasi tutti i 29 stati in cui è divisa l’India hanno una propria versione locale.  

Da cosa è composto il thali

Come detto, il thali varia notevolmente da località a località. Non si tratta necessariamente di un piatto vegetariano. Nelle località costiere è facile trovare piatti a base di pesce e frutti di mare ma non mancano thali dove la carne è la componente principale. Nel cuore del piatto inoltre si trova sempre un “accompagnamento” da gustare assieme agli alimenti presenti nei katori. Anche questo caso tuttavia l’accompagnamento può variare a seconda delle località. Nel sud, ad esempio, è il riso la componente principale mentre nel nord dell’India è più facile trovare thali accompagnati da pane di frumento. Sebbene non sia difficile trovare i singoli alimenti contenuti nei katori nella cucina indiana di tutti i giorni, l’intera “esperienza” del thali è riservata in genere ai giorni di festa o in occasioni speciali come cerimonie e ricorrenze.

Un pasto completo della tradizione

Dal punto di vista nutrizionale il thali è un pasto completo che contiene carboidrati, proteine, vitamine, minerali e fibre. La quantità varia chiaramente a seconda del piatto in questione. Il thali tuttavia rispetta generalmente la teoria dei 6 gusti necessari ai pasti equilibrati secondo l’ayurveda. Nel thali sono infatti presenti tutte e 6 le componenti fondamentali: dolce, amaro, salato, piccante, acido e astringente. Componenti essenziali per un pasto equilibrato e un corpo equilibrato secondo la medicina tradizionale indiana.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.