AmbienteCulturaFood

Cos’è la cavatura del tartufo?

La cavatura del tartufo è una pratica affascinante ma poco conosciuta e la quantità di regole e tradizioni che la definiscono è davvero sorprendente.

Nel nostro Paese la cavatura del tartufo è una pratica diffusa a cui si dedicano migliaia di persone. Il pregiato fungo sotterraneo dalle caratteristiche uniche rappresenta un ambito premio, ma il percorso per ottenerlo non è certo in discesa. Tra cani da addestrare, esami da superare e strumenti da radunare, gli ostacoli sono molti. La domanda sorge allora spontanea: come opera davvero un tartufaio?

cavatura del tartufo

Il tartufo

Cerca e cavatura del tartufo richiedono una profonda conoscenza del traguardo inseguito. Il tartufo è un fungo ipogeo, che cresce a una profondità compresa tra pochi centimetri e 1 m. Esso si sviluppa in simbiosi con diversi tipi di alberi, fra cui querce, lecci, faggi e noccioli e il tipo di pianta è fondamentale per determinarne aroma e profumo che il tartufo sprigiona. Il tipo di suolo ne stabilisce invece la forma. Un terreno più morbido porterà il tartufo a crescere più liscio e sferico, mentre in uno più duro il fungo si presenterà bitorzoluto. Una volta colto il tartufo viene utilizzato a crudo per lo più su paste e risotti e può raggiungere un prezzo di 400 € al kg.

La cavatura del tartufo

La cavatura del tartufo desta la curiosità di molti. Per poterla intraprendere è, però, necessario un tesserino da tartufai, ottenibile tramite specifici corsi di formazione. A essere protagonista è, poi, il cane, ausilio gradito e obbligatorio. In passato gli animali prescelti erano i maiali, ma, data la loro ingordigia, sostituirli con Fido è stato quasi naturale. Il cane si occupa, dunque, della ricerca e indica al padrone dove scavare, consentendogli di circoscrivere il proprio impatto. Il vanghetto, apposito strumento dalla larghezza alla punta di massimo 6 cm, permette, poi, di non danneggiare le radici delle piante. Ogni tartufaio è, infine, tenuto a ricoprire le buche, così da favorire la crescita di nuovi funghi nel sito.

Una tradizione fatta di regole

La cavatura del tartufo non è una pratica affidata alla casualità. Ogni tartufaio deve avere una profonda conoscenza dell’ambiente in cui si appresta a effettuare la ricerca e nozioni ben precise sulla materia prima per non esporsi a pericoli. In natura crescono, per esempio, 100 specie di tartufi, ma solo 9 risultano commestibili. Attenersi ai regolamenti è, poi, un altro obbligo imprescindibile. Ciascuna specie di tartufo può essere colta solo in specifici periodi dell’anno e ogni tartufaio non può portare via più di 2 kg dei pregiati funghi per volta. Cogliere tartufi acerbi è vietato, mentre rimettere al loro posto quelli troppo maturi o marci, per non alterare i cicli naturali, è un dovere.

La cavatura del tartufo, insieme alla cerchia, è di recente diventata patrimonio Unesco in Italia, come tradizione. All’interno di essa l’uomo, per poter ottenere dalla natura ciò che desidera, non può che mettersi a servizio di quest’ultima, impegnandosi a preservare e a non alterare. Una volta capito quanta fatica si nasconde dietro a un singolo piatto di tagliatelle, forse, non trasalire davanti al conto diventerà persino un po’più facile.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.