FoodFrutta & Verdura

Cos’è il mapo, l’agrume ibrido

Il mapo è un frutto sempre più popolare, ma cos’è davvero questo agrume dal sapore intenso che si presenta come un concentrato di nutrienti e proprietà?

Mentre l’autunno avanza quanti di noi si sono trovati davanti a una bancarella ortofrutticola, faccia a faccia con un mapo, chiedendosi cos’è questo singolare frutto? Tale agrume, detto anche tangelo, è un incrocio tra il pompelmo e il mandarino, che si presenta come un mix di caratteristiche uniche. Includerlo nella nostra dieta significa, allora, poter godere di una serie di benefici insospettabili.

mapo cos'è
Foto: mac231 @Pixabay

Cos’è il mapo?

Per capire cos’è il mapo bisogna tenere presente che esso può essere considerato un frutto “ibrido”. Il suo nome è citrus tangelo e appartiene alla famiglia delle Rutaceae. L’albero che lo produce raggiunge un’altezza di 12 m e l’ampiezza della chioma arriva ai 9 m di diametro. Il mapo è comparso per la prima volta negli USA, verso la fine dell’800. Oggi, in tale Paese, esso è coltivato in Florida e California, mentre in Italia la produzione è localizzata in Sicilia e Calabria. I frutti maturano all’inizio dell’autunno e sono, quindi, reperibili sul mercato prima di molti altri agrumi. Questi sono dotati di una sottile buccia verde-gialla e custodiscono all’interno una polpa carnosa. Il loro sapore è acidulo, come quello del pompelmo, ma presenta note dolci chiaramente riconducibili al mandarino.

Calorie e nutrienti

Una volta compreso cos’è il mapo viene quasi naturale chiedersi perché dovremmo includerlo nella nostra dieta. La risposta arriva, in primis, dal computo delle calorie. 100 g di prodotto aggiungono, infatti, alla nostra dieta solo 33 kcal. Il mapo è, dunque, un frutto amico della linea e, visto il suo basso contenuto di zuccheri, è consigliato anche per i diabetici. Si tratta, per altro, di un alimento ricchissimo di acqua e di fibre. Come gli altri agrumi esso contiene, poi, buone quantità di vitamina A, B e soprattutto C. Tra i minerali a essere ben rappresentati sono invece, potassio, ferro, calcio, iodio e magnesio. Il mapo risulta, inoltre, un’ottima fonte di acido folico e flavonoidi.

Mapo: proprietà e benefici

Capire cos’è il mapo ci aiuta a comprendere che il consumo di questo frutta porta al nostro organismo molti benefici. Vitamina C e flavonoidi ne fanno, in primis, un alimento dalle grandi proprietà antiossidanti. Esso protegge, così, il nostro corpo dai danni dei radicali liberi e tutela il sistema cardiocircolatorio. Si rivela, poi, un toccasana per stomaco e intestino. Questo agrume contribuisce, inoltre, a mantenere in salute i tessuti e aiuta a combattere ritenzione idrica e cellulite. Il mapo si presenta, poi, come un potente antinfiammatorio naturale e può diventare un ottimo alleato del sistema immunitario, contro i malanni di stagione. Esso può, persino, trasformarsi in un coadiuvante nel trattamento nei disturbi del sonno, data la sua capacità di favorire il rilassamento.

Sapere cos’è il mapo è fondamentale per imparare a sfruttare questo gustoso frutto nel migliore dei modi. Esso può essere consumato fresco, magari come spuntino, sotto forma di succo o può diventare parte integrante di golose ricette. In macedonie e insalate invernali può, infatti, sostituire il limone e nei dolci è l’ideale come elemento acido. La lista degli agrumi da provare si allunga.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.