FoodFrutta & Verdura

Cos’è la zucca Hokkaido e come si usa in cucina

La zucca Hokkaido, conosciuta come Potimarron o zucca castagna, è una varietà molto particolare dell’ortaggio, perfetta da usare in cucina.

Avete mai sentito parlare di zucca hokkaido? Questa particolare varietà dell’ortaggio, conosciuta anche come zucca castagna o Potimarron, sta prendendo sempre più piede nelle ricette invernali. A garantirle il successo sono tre aspetti: la buccia commestibile che può essere cucinata allo stesso modo della polpa, il profilo nutrizionale e il suo particolare sapore, che ricorda proprio una purea di castagne.

zucca hokkaido

Zucca Hokkaido, Potimarron o zucca castagna?

In rete questo ortaggio si trova indicato con diversi nomi, anche se è difficile determinare quale sia l’originale. Considerando le sue supposte origini giapponesi, sono in molti a prendere come nome ufficiale zucca Hokkaido, nonostante sia in uso anche il nome Uchiki Kuri. È da prendere in considerazione, però, la possibilità che gli avi di questa zucca fosse mesoamericani, e che sia arrivante in oriente grazie a commercianti portoghesi. Il nome Potimarron invece sembrerebbe di derivazione francese, uno degli stati occidentali dove questa varietà di ortaggio è stata più largamente apprezzata.

Qui in Italia è più facilmente conosciuta come zucca castagna, un po’ per la sua forma, più piccola e simile al grosso seme, un po’ per il sapore, unico nel suo genere, simile a quello della castagna appunto. Si tratta di una varietà dalla dimensione relativamente contenuta rispetto alle altre zucche, motivo per cui è facile da trasportare e lavorare in cucina. È considerata una zucca invernale, e può essere consumata anche lungo tempo dopo la sua raccolta. Inoltre, aspetto unico nel suo genere, ha una buccia commestibile che può essere tranquillamente cucinata.

hokkaido potimarron zucca castagna

Come si usa in cucina la zucca Hokkaido

Rispetto ad altre varietà di zucca la Hokkaido ha poca acqua, ma è ricca di fibre e vitamina C, vitamine B, e vitamina A. Dal punto di vista dei sali minerali abbonda in calcio, potassio e ferro, mentre è relativamente povera di sodio rispetto ad altre varietà dell’ortaggio. Tutte queste proprietà si conservano al meglio in moltissime ricette, dalle più semplici alle più complesse.

Potete tagliarla a cubetti, per esempio, e arrostirla al forno come se fossero delle patate, un contorno perfetto per sostituire i classici tuberi. In questo caso un filo d’olio e un po’ di sale saranno sufficienti, ma giocare con delle spezie più «calde» come la cannella può dare ottimi risultati.

cucina zucca hokkaido

Potete fare la zucca Hokkaido come vellutata, cuocendola a pezzi in pentola pressione o bollendola in acqua il tempo sufficiente per farla ammorbidire. Dopodiché si procede con una rapida speziatura, prima di passare il tutto in un frullatore. Per il condimento basta a questo punto un filo d’olio a crudo e, come ciliegina sulla torta, una battuta di rosmarino fresco.

Un’altra idea può essere quella della zucca ripiena: la si taglia in due parti, si pulisce il cuore dai semi e si procede ad una prima cottura al forno, trattando le due metà come se fossero delle ciotole. Potete farcirle con il ripieno che preferite, sia a base di carne che di formaggio, oppure optando per una variante vegana.

TOPIC zucca
REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.