AttualitàGastronomiaLifestyle

Consistenza e texture in cucina saranno i trend protagonisti del 2018

Gli addetti ai lavori la chiamano texture, noi la conosciamo come consistenza, e sarà la protagonista dei trend nel 2018, dalla frutta croccante ai fermentati frizzanti, c’è molto da scoprire.

Sembra che col tempo l’industria agroalimentare si stia orientando verso questioni che un tempo avremmo definito secondarie. La consistenza è un esempio molto concreto: tra i trend del 2018 gli esperti pensano che la texture – termine tecnico che indica la consistenza – sarà il vero protagonista, con diverse aziende europee già intente a sperimentare nuove ed efficaci soluzioni. «Nel 2018 – viene spiegato – il suono, le sensazioni e la soddisfazione date dalla consistenza diventeranno sempre più importanti per aziende e consumatori allo stesso modo.»

Consistenza e texture saranno i trend protagonisti del 2018

L’Europa inaspettatamente alla guida

Quello che abbiamo visto quest’anno nel mondo del cibo internazionale è stata una decisa virata verso l’estetica, e in particolare verso i colori, soprattutto quelli naturali. Dal nero carbone che ha conquistato il gelato passando per il vino blu e l’ananas rosa i cibi colorati, tanto belli da essere fotografati, hanno conquistato l’attenzione dei consumatori.

Nel 2018 sarà il turno della consistenza, caratteristica con cui le aziende diventano sempre più brave a giocare. Un esempio è la AllNature, azienda della Repubblica Ceca, che si è specializzata nella produzione di frutta croccante disidratata col freddo. La tecnica conserva tutto il sapore ma permette ad ananas e lamponi – ad esempio – di durare molto più a lungo condendo yogurt, porridge o muesli.

frutta croccante disidratata col freddo

In generale gli esperti si aspettano che i claim sulle confezioni – quelle scritte che descrivono molto positivamente un prodotto sulla sua confezione – si concentrino molto nel raccontare particolari sensazioni e consistenze. Un esempio sono i vini in cui compaiono sempre più spesso scritte de decantano la carbonificazione naturale, che tradotto in termini profani vorrebbe dire che le bollicine si sono sviluppate naturalmente e non aggiunte – e meno male.

L’ispirazione per quelli che saranno tutta una particolare serie di prodotti verrà contro ogni aspettativa dall’oriente: «la regione offre tutta una serie di bevande con polpa, perle di tapioca e carbonificazione, assieme anche al cibo, che favoriscono consistenze innovative probabilmente sconosciute in altre parti del mondo.» Rimane solo da capire come queste nuove consistenze e texture saranno recepite dai consumatori, del resto è molto facile fotografare un cibo colorato, non altrettanto una ricetta croccante.

Fonti: foodnavigator.com

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.