FoodSenza glutine

Come sta cambiando il free from in Italia

Il mondo del free from in Italia sta cambiando, con trend nuovi che emergono come «senza glutammato» e «senza additivi», altri che continuano ad essere un successo, come «senza zucchero».

Il free from in Italia evolve di anno in anno, cambiando a seconda delle esigenze dei consumatori. Le etichette cambiano e raccontano le nuove abitudini a tavola, come evidenzia l’ultima ricerca dell’Osservatorio Nielsen GS1 Italy, che ha fotografato la situazione dei prodotti free from nel nostro paese rispetto al 2017.

Free from in Italia

I claim di successo nel free from italiano

Il free from in Italia rappresenta più del 18% dei prodotti alimentari di largo consumo, stiamo parlando di circa 12.000 prodotti su 64.000 complessivi. Una percentuale enorme, che rappresenta alimenti «senza glutine», «senza lattosio», «senza olio di palma», «senza grassi idrogenati», «senza conservanti» e con altri claim simili.

Il settore però evolve e messaggi come «senza zuccheri aggiunti» diventano sempre più utilizzati, fecendo segnare un più 5,4% di presenze sulle etichette. Un discorso simile vale per il claim «pochi zuccheri», con un più 5,1%. Secondo l’Osservatorio questi claim si trovano sempre più spesso in prodotti come confetture e marmellate, bibite, succhi di frutta, merendine, ma anche yogurt e dolci a base di latte.

Un altro claim che è cresciuto nel 2018 è «senza olio di palma» (+ 3,8%), nonostante l’Osservatorio stimi che nel 2019 difficilmente continuerà ad aumentare con lo stesso ritmo. Anche qui sono merendine, biscotti e pasticceria ad essere i prodotti che più spesso vengono accompagnati dal claim.

Crescono anche altri messaggi come «senza glutammato» (+4,8%), «senza additivi» (+3,6%) e «senza antibiotici». Quest’ultimo promette di essere il prossimo trend nel mondo del free from in Italia, e comparirà sempre più spesso in prodotti come latte, uova, carne e pollo in particolare.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.