FoodFrutta & Verdura

Come cucinare il cavolo nero

Imparare a cucinare il cavolo nero può aprire la strada alla scoperta dei suoi molti impieghi in cucina; un ortaggio versatile che con qualche accortezza sa esaltare i piatti con un gusto originale e autentico.

Cucinare il cavolo nero è ideale nei mesi invernali, un ortaggio sano, nutriente e facile da preparare. Sapere come pulire il cavolo nero è il primo passo per poi imparare a usarlo nelle insalate, lessato, per preparare il pesto o gustosi contorni con cui sbizzarrirsi in cucina.

Come pulire il cavolo nero

Prima di tutto è importante sapere come pulire il cavolo nero, infatti a differenza degli altri componenti della famiglia delle crucifere che hanno una forma sferica, il cavolo nero si presenta con foglie lunghe, arricciate e «bollose». Per prima cosa bisogna raccogliere tutte le foglie staccandole delicatamente dal gambo centrale; successivamente con un piccolo coltello si andrà a rimuovere anche la costa centrale della foglia. Prima di cucinare il cavolo nero alla perfezione è bene svolgere al meglio questo passaggio, in modo da eliminarne la parte più dura che si presta poco per essere gustata. Infine si sciacquano le foglie in acqua fredda e si asciugano con un canovaccio, si procede al taglio e alla cottura.

Il cavolo nero nelle insalate

Il cavolo nero nelle insalate fa un’ottima figura, infatti è ottimo anche mangiato crudo. Le sue qualità benefiche, come l’essere ricco di sostanze antiossidanti, di vitamine e il migliorare il processo digestivo, vengono mantenute tali con trucchi che le conservano al meglio. Ha un sapore più deciso rispetto agli altri cavoli, quindi nel caso si decida di gustare il cavolo nero crudo, ad esempio aggiunto a una insalata – ottimo con rucola e radicchio – ne basta una solo foglia, affettata finemente e condita con olio extra vergine di oliva e succo di limone. Questo renderà l’insalata un contorno perfetto e depurativo per l’organismo.

Il cavolo nero lessato

Cucinare il cavolo nero lessato permette di mantenerne tutte le sue proprietà organolettiche. Qualunque sia il tipo di piatto che si decida di preparare, il cavolo nero va cotto in acqua calda o al vapore, per ammorbidire le foglie rendendolo così un ingrediente più versatile. Si possono poi preparare involtini, hamburger, zuppe o contorni, a quel punto la foglia sarà morbida e commestibile con un gusto deciso che arricchirà la preparazione. Una delle ricette che ha reso famoso il cavolo nero lessato è la ribollita toscana, in questa preparazione il cavolo nero, insieme a verza e bietole, viene cotto nel brodo.

Il pesto di cavolo nero

Un’altra buonissima ricetta è il pesto di cavolo nero, ma per ottenere un risultato perfetto è doveroso, dopo averlo fatto bollire per circa 15 minuti, trasferirlo in una ciotola di acqua molto fredda, meglio se con ghiaccio, questo trucco permetterà di fissarne il colore e ottenere un perfetto pesto di cavolo nero. Successivamente potrà essere frullato con mandorle, pinoli, aglio e olio extra vergine di oliva. Un ottimo modo per cucinare il cavolo nero, per ricette gustose e originali.

Contorni col cavolo nero

Impossibile non citare i contorni col cavolo nero. Come nel caso del pesto, va lessato e messo in acqua fredda, successivamente il trucco è strizzare il cavolo nero, privarlo quasi completamente dell’acqua in cui è stato immerso. Una volta strizzato, si otterrà una piccola palla che tagliata grossolanamente, potrà essere nuovamente ripassata in padella con un soffritto di olio e aglio, avrete così ottenuto un contorno di cavolo nero davvero saporito. Un trucco aggiuntivo per ottenere un cavolo nero perfetto e più gustoso è ripassarlo con un po’ di peperoncino piccante e qualche seme di finocchio, il sapore stupirà i palati più raffinati.

Sapere cucinare il cavolo nero permette di sfruttarne le molte qualità: nutriente e sano, con qualche accortezza si otterrano ricette facili e versatili, tutte da scoprire. Con un pizzico di creatività ci si possono realizzare piatti gustosi e originali come questi ravioli.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.