AnimaliAnimali domesticiSenza glutine

Cibo senza glutine per animali: i legumi sono il futuro

Quando si tratta di cibo senza glutine per animali i legumi potrebbero rappresentare il futuro. Lo sanno bene negli USA, dove la produzione di lenticchie è alle stelle.

La nuova frontiera del cibo senza glutine per animali potrebbero essere i legumi, e c’è chi sta scommettendo forte su questa prospettiva. Negli USA in particolare la produzione di piselli e lenticchie sta toccando record mai visti prima, e lo stesso vale per il Canada. Il trend non è semplicemente legato al cibo gluten free per animali, ma all’«umanizazzione» sempre più spiccata dei nostri animali domestici.

Il mercato del cibo senza glutine per animali

I prodotti free from sono sempre più acquistati nel mondo, in primis i prodotti senza glutine. Se all’inizio questo trend era esclusivamente rivolto al mondo dell’alimentazione umana, oggi anche gli animali domestici hanno accesso a questi alimenti. Che vi siate chiesti o meno se il vostro cane ha bisogno di cibo senza glutine, il mercato ha già risposto alla domanda, lanciando molti nuovi prodotti sul mercato.

Non sono molti gli animali a necessitare di questo tipo di alimenti, ma esistono sul mercato molti mangimi adatti. A rivoluzionare il mercato in particolare sono stati i legumi, inseriti sempre più spesso nel cibo senza glutine per animali. Questo ha aperto nuove prospettiva in diversi paesi del mondo, e i produttori di legumi sono molto attenti.

cibo senza glutine animali

Piselli e lenticchie: i legumi per animali

Nell’arco di appena un anno le importazioni di lenticchie per l’alimentazione animale sono passate da zero a 40.000 tonnellate negli USA. Ed è il Canada a fornirle, assieme a ceci e piselli per seguire il trend del gluten free. Uno dei vantaggi più impressionanti di questi alimenti è la loro versatilità di consumo: possono essere utilizzati secchi, freschi, surgelati, interi o trasformati in farina.

Nei prossimi 5 anni si stima che il settore possa andare ancora avanti a crescere, probabilmente di un 10% in più all’anno. Forti di queste stime i coltivatori di legumi di tutto il mondo potrebbero essere spinti ad attrezzarsi, almeno in quei paesi dove la domanda di cibo senza glutine per animali potrebbe rimanere elevata. Del resto si tratta in ogni caso di alimenti ricchi di nutrienti perfetti per gli animali, in primis per il loro apporto di sane proteine.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.