FoodGastronomia

Chi sono e cosa mangiano i pescetariani

Spesso chi sceglie di diventare vegetariano sceglie di non rinunciare certe fonti di proteine. Ecco chi sono e cosa mangiano i pescetariani.

Cosa mangiano i pescetariani? E i vegetariani, i vegani, i flexitariani, i fruttariani, i crudisti? L’inseguimento del benessere negli ultimi anni ha portato a diverse nuove forme di regimi alimentari dalle regole non sempre chiarissime. I pescetariani in particolare, chiamati anche pescatariani hanno scelto di diventare vegetariani ma senza rinunciare interamente alle proteine di origine animale.

pescetariani

Cosa mangiano i pescetariani e perché

I pescetariani sono considerati vegetariani anche se, tecnicamente, la loro dieta non contiene solamente vegetali. Chi ha scelto di diventare pescetariano ha scelto di dire addio alla carne e mangiare prevalentemente verdure senza tuttavia rinunciare ai benefici del pesce e dei molluschi. Cosa mangia quindi un pescetariano? In gran parte la dieta pescetariana si basa su legumi, cereali, frutta a guscio, frutta e verdura. La fonte di proteine principale viene proprio dal pesce e da frutti di mare anche se alcuni pescetariani non rinunciano a latticini e uova.

Perché scegliere di diventare pescetariani

In una dieta prettamente a base di frutta e verdura può tuttavia risultare difficile assumere la giusta quantità e la giusta qualità di proteine. Scegliere di diventare pescetariano consente di avere accesso ai benefici nutrizionali del pesce. Il pesce fornisce non solo un apporto fondamentale di proteine ma, anche di altri nutrienti fondamentali come di acidi grassi omega-3, necessari per il corretto funzionamento del nostro corpo. Mangiare pesce inoltre aiuta a tenere sotto controllo le malattie cardiache, arteriosclerosi e stress.

Una dieta sostenibile?

Ci sono diversi motivi per cui molti scelgono di diventare vegetariani, o vegani. L’attenzione alla propria salute psicofisica, quella al benessere animale o ancora preoccupazioni di carattere ambientale. Il pescetarianesimo può risultare per alcuni un accettabile compromesso tra una dieta onnivora ed una dieta solamente a base vegetale.

La dieta pescetariana è certamente più sostenibile dell’allevamento animale a terra, ma non è completamente esente da preoccupazioni di carattere ambientale. La pesca intensiva negli ultimi anni sta mettendo a dura prova gli ecosistemi marini con diverse specie considerate ormai a rischio. Una dieta di questo tipo inoltre può contribuire notevolmente alle emissioni se chi la pratica vive lontano dalle coste.  

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.