IntegratoriSalute

Carboni attivi, cosa sono e a cosa servono

Un tempo considerati efficaci come antidoti oggi i carboni attivi sono sempre più presenti in prodotti cosmetici e detox.

I carboni attivi sono stati a lungo utilizzati per il trattamento di avvelenamenti e overdose da farmaci. Negli ultimi anni tuttavia sempre più persone li utilizzano in prodotti cosmetici, dentifrici o li assumono come integratori alimentari aggiungendoli a cibi o bevande. In questo caso la speranza è quella di beneficiare di un effetto detox. I carboni attivi infatti agiscono generalmente come una “spugna” in grado di catturare tossine e prevenire che queste vengano assorbite dal corpo. Ma funzionano davvero e soprattutto, sono sicuri?

carboni attivi

Cosa sono i carboni attivi

I carboni attivi in commercio sono presenti in genere sotto forma di una polvere nera. Sono prodotti a partire da diverse sostanze ricche di carbonio come legno, torba, noci di cocco. Queste sostanze vengono “attivate” bruciandole ad altissime temperature. Il processo finisce per modificare la struttura del carbone, liberando molecole precedentemente presenti e aumentando il numero di pori sulla superficie. L’assenza di legami e la grande superficie rende i carboni attivi in grado di “catturare” una notevole varietà di sostanze chimiche.

Come funzionano i carboni attivi

Il nostro corpo non è in grado di assorbire i carboni attivi. Per questo motivo, quando ingeriti, agiscono come una scopa raccogliendo le tossine presenti in stomaco ed intestino, impedendo che vengano assorbite dal corpo. Non essendo digeribile, il carbone e le tossine catturate vengono poi espulse attraverso le feci. Proprio per questo motivo i carboni attivi hanno avuto una grande varietà di usi in medicina in particolare come antidoto a veleni e overdose di farmaci. Se assunti immediatamente dopo un farmaco possono ridurne l’assorbimento fino al 75%; anche se non funzionano per tutti i casi.

Altri utilizzi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha approvato l’utilizzo dei carboni attivi per alcuni trattamenti medici d’emergenza. Eppure, proprio in virtù delle loro capacità di eliminare tossine dal corpo, sempre più aziende li stanno proponendo anche fuori dall’utilizzo medico. Tra i benefici presentati troviamo la capacità di supportare la funzione renale e di abbassare i livelli di colesterolo. I carboni attivi inoltre possono ridurre la produzione eccessiva di gas. Nella cosmesi invece i benefici andrebbero dalla pulizia della pelle e dei denti alla capacità di eliminare i cattivi odori. Ad oggi tuttavia non esistono ricerche scientifiche conclusive per stabilire l’effettiva efficacia dei carboni attivi quando assunti come integratori alimentari. In particolare non esistono dati certi sui benefici quanti utilizzati come parte di una dieta “detox”.

Sono sicuri?

I carboni attivi sono considerati generalmente sicuri per l’uomo. Gli esperti tuttavia suggeriscono di prestare cautela e non esagerare con l’assunzione. Reazioni gravi sono rare ma non assenti. La preoccupazione degli esperti inoltre è rivolta proprio verso la grande capacità dei carboni di “catturare” sostanze: si tratta infatti di una capacità indiscriminata. Così come assorbono tossine nel nostro corpo, potrebbero altresì assorbire e rimuovere anche altri nutrienti essenziali, danneggiando gli equilibri della flora batterica intestinale e portando potenzialmente a rischi per la salute.

Inoltre i carboni attivi possono avere spiacevoli effetti collaterali come nausea e stitichezza. Anche come prodotto per la salute orale rischiano portare più complicazioni che benefici. Nei dentifrici aumentano infatti notevolmente l’abrasione dello smalto dei denti, aumentando il rischio di carie. I carboni attivi sono un potente disintossicante in caso di emergenza ma la comunità scientifica ancora non è certa dei benefici di una assunzione regolare. Prima di assumerli regolarmente sarebbe indicato quindi il parere del proprio medico.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.