AttualitàEcologia

Calcio, la Fifa vieta la scritta pro-ecologia sulle maglie del Palmeiras

La squadra brasiliana avrebbe voluto indossarla nella finale del Mondiale per Club. Ma il regolamento proibisce ogni tipo di messaggio sulla divisa.

Niente scritta pro-ecologia sulla maglia del Palmeiras. La squadra brasiliana di calcio non potrà indossare la sua nuova divisa su cui è stampato un messaggio a favore della tutela dell’ambiente in occasione della finale del Mondiale per Club 2021. Il motivo? Il regolamento della Fifa, l’ente mondiale che governa il settore del pallone e che ha organizzato la competizione. La norma, infatti, impone che sulle maglie non sia presente alcun messaggio.

La Fifa ha vietato la scritta pro-ecologia sulle maglie del Palmeiras in occasione della finale del Mondiale per Club

La finale

Il Palmeiras avrebbe voluto sfoggiare la sua nuova maglia in occasione dell’importante finale del Mondiale per Club che li vedrà affrontare gli inglesi del Chelsea, in programma sabato 12 febbraio, alle 17.30 (orario italiano), allo stadio Mohammed bin Zayed di Abu Dhabi. La gara tra i campioni della Coppa Libertadores, la massima competizione calcistica sudamericana, e i vincitori della Champions League, il principale torneo europeo, si giocherà dopo uno slittamento di alcuni mesi causato dalla pandemia e dalle conseguenti restrizioni sui viaggi.

La scritta incriminata

A poche ore dal match, tuttavia, la Fifa ha vietato al Palmeiras di scendere in campo con la maglia pro-ambiente. La ragione è che il regolamento dell’organizzazione del calcio mondiale proibisce che sulla divisa compaia qualsiasi genere di messaggio, compreso quelli di tipo ecologico. Lo slogan incriminato recita “per un futuro più verde” in brasiliano (“por um futuro mais verde”). Stampato con una dimensione di carattere molto ridotta, si ripete diverse volte sviluppandosi orizzontalmente in cinque punti dell’uniforme bianca.

Si tratta di un messaggio legato a un progetto di cui il Palmeiras è testimonial per Puma, suo sponsor tecnico. La maglia è infatti prodotta con materiali sostenibili, un modo per diminuire, nel suo piccolo, l’impatto sull’ambiente generato dalla creazione degli indumenti da gioco.

Un tifoso insospettabile

Per colpa della scritta, però, la maglia non potrà essere sfoggiata durante la finale del Mondiale per Club. Il Palmeiras sarà così costretto a indossare la divisa bianca usata nella stagione passata. Non si può parlare di oscurantismo o censura da parte della Fifa. Di certo, sarà un’occasione sprecata per sensibilizzare maggiormente i tifosi sulle tematiche ambientali. Forse un regolamento meno stringente sulle divise o una valutazione caso per caso potrebbe aiutare a distinguere in futuro gli slogan veramente pericolosi da quelli che invece puntano ad produrre un impatto positivo.

In tutto questo fa sorridere che per il Palmeiras faccia il tifo il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, politico che da quando ha assunto il governo del Paese ha spesso dimostrato di avere posizioni anti-ambientaliste, ad esempio sulla gestione della foresta amazzonica, o addirittura negazioniste riguardo i cambiamenti climatici. Un supporter davvero insospettabile che spesso è stato visto allo stadio vestito con la maglia della squadra. Chissà se avrà comprato anche la nuova uniforme.

blank
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food