BevandeVini & Spumanti

Bottiglia di vino aperta, come si conserva?

Avere una bottiglia di vino aperta per le mani solleva sempre qualche dubbio: come si conserva? Per quanto tempo? Si deve mettere in frigo? Ecco cosa consigliano gli esperti.

La classica bottiglia di vino aperta, avanzata dalla cena, solleva sempre la stessa domanda: come si conserva? È assolutamente normale avere qualche dubbio a riguardo, anche perché, ve lo diciamo subito, non esiste un’unica risposta corretta. Dipende tutto dal vino, il suo colore, la quantità di tannini, il tenore alcolico, la quantità di zuccheri e la temperatura in casa. Abbiamo raccolto qualche consiglio degli esperti per non sbagliare.

bottiglia vino aperta

Quanto tempo si conserva una bottiglia di vino aperta

La prima questione che ognuno di noi si è posto, con una bottiglia di vino aperta avanzata dopo cena, è per quanto tempo la bevanda rimarrà buona da bere. Come abbiamo anticipato, non esiste una risposta giusta per tutte le bottiglie.

Il nemico del vino, una volta aperto, è l’ossigeno: questo elemento permette un fenomeno conosciuto come «ossidazione», che con il tempo influenza la bevanda fino a farle cambiare e perdere le sue proprietà organolettiche. Un altro problema sono le sostanze volatili presenti nel vino, che vengono disperse quando la bottiglia rimane aperta.

Un aspetto interessante è che non tutti i vini subiscono questo processo allo stesso modo: un vino rosso fermo molto strutturato, con un buon tenore alcolico e una spiccata quantità di tannini, potrà conservarsi molto meglio rispetto ad un vino bianco leggero e frizzantino. In quest’ultimo caso, normalmente, 36 ore vengono considerate il limite massimo.

tempo conserva bottiglia vino aperta

Nel caso dei rossi invece si può arrivare anche a 5 giorni, ma vale la regola dell’assaggio: se non sentite aromi o sapori sgradevoli, allora è molto probabile che la bottiglia abbia resistito bene. Anche l’aspetto può essere indicativo: un colore più scuro e opaco potrebbe essere il segno di eccessiva ossidazione.

Una bottiglia di vino avanzato va conservata in frigo?

Una volta capito per quanto tempo si può conservare una bottiglia di vino, la domanda immediatamente successiva è: va messa in frigo? Anche in questo caso non c’è una risposta univoca, dipende dal vino e dalla stagione.

L’indicazione è che il vino sia conservato in un ambiente fresco e asciutto, al riparo da correnti d’aria e sbalzi di temperatura. Nelle stagioni meno calde queste condizioni si possono trovare anche in casa, senza dover ricorrere al frigorifero, l’importante è che si trovi un posto lontano da fonti di calore come un calorifero.

Nelle stagioni più calde invece non c’è altra soluzione, il vino va tenuto in frigo, sia rosso che bianco: questo funzionerà come un ambiente protetto, mantenendo una temperatura fresca e costante. Il frigorifero eliminerà anche il problema della luce, visto che i raggi del sole possono accelerare i fenomeni di ossidazione del vino.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.