Dolci & PasticceriaFood

Banana split, un goloso dessert con brevetto

Un dolce invitante e colorato, ma avreste mai detto che è da anni al centro di una disputa per determinarne l'inventore?

Oggi parliamo della Banana split, quel dolce fotogenico e delizioso che avrete sicuramente visto in decine di film americani e un po’ meno nei nostri menù. La ricetta è molto semplice, potrete ricrearla voi stessi in poche semplici mosse usando la fantasia e gli ingredienti che più vi ispirano; prima di metter mano alla dispensa però leggete fino in fondo per prendere ispirazione e scoprire quando e come nacque.

Una ricetta a prova di bambino

Una storia lunga un secolo

La Banana split non solo è dotata di brevetto, ma è anche da anni contesa tra due città degli Stati Uniti che ne vantano il primato. Uno dei dolci più popolari d’America potrebbe essere stato inventato nel 1904 da David Evans Strickler, studente di 23 anni di Latrobe in Pennsylvania. Egli, che all’epoca lavorava nel bar di famiglia, avrebbe condito la sua banana riempiendola con tre palline di gelato alla vaniglia cioccolato e fragola, marshmellow, altro cioccolato, noci, panna montata e una ciliegia. La sua creazione costava ben 10 centesimi, molto più delle altre coppe gelato presenti sul menù, ma ciò non fermò gli studenti del News Saint Vincent College che la adorarono fin dal primo assaggio. La storia racconta però che non fu tutta farina del suo sacco, Strickler infatti si sarebbe ispirato ad un gelataio di Boston che proponeva già la fortunata banana presentandola però con la buccia.

Una storia lunga un secolo

Un’altra versione vuole che l’inventore sia Ernest Hazard, proprietario di un ristorante di Wilmington, Ohio, il quale nel 1907, deluso dal proprio personale il quale non riusciva ad ideare nuovi dessert, tagliò una banana e la farcì. Da quel giorno le città di Latrobe e Wilmington si sfidano a suon di celebrazioni: Latrobe nel 2004 ha festeggiato il centenario dalla nascita della famosa Banana, mentre Wilgminton ogni anno sponsorizza un festival interamente a tema Banana split.

Fondamentale per far conoscere la Banana split nel resto degli Usa fu la catena di ristoranti Walgreens, fondata a Chicago nel 1901: il proprietario, Charles Walgreen, decise di inserirla nel menù, facendone il cavallo di battaglia. Da noi invece è probabilmente arrivata grazie a film e telefilm dove, dai colori scintillanti e ricchissima di panna, la vediamo spesso accompagnata da un enorme milkshake.

Una ricetta a prova di bambino

Creare una Banana split è facile e veloce, forse è anche questa la chiave del suo successo. Vi basterà prendere una banana, sbucciarla, dividerla a metà e adagiarla su un piatto, preferibilmente dalla forma allungata. Fatto ciò non vi resta che farcirla come più vi piace, ma se volete seguire la ricetta classica allora dovrete usare tre palline di gelato (preferibilmente vaniglia, cioccolato e fragola), panna montata, sciroppo al cioccolato, granella di nocciole e una ciliegina come guarnizione finale.

Banana split, il frutto con brevetto

Vi sono ovviamente moltissimi modi per gustare la propria Banana split, oggi fatta anche in versione gourmet, dove porzioni abbondanti e gelato lasciano il posto a noci, cioccolato fondente, crema chantilly, e frutti rossi.

Sapete già come far merenda oggi, vero?

Fonti: wikipedia.com – fratelliorsero.it – barmanitalia.it – ricettedigusto.info

blank
Allegra di nome e di fatto, ho 22 anni, studio Scienze Gastronomiche e non so ancora cosa fare della mia vita se non girare il mondo per riempirmi gli occhi e la bocca di cose buone.