inNaturale
Home
>
7 semplici superfood da consumare quotidianamente per aiutare l'organismo

7 semplici superfood da consumare quotidianamente per aiutare l'organismo

Un gruppo di nutrizionisti ha elencato una serie di prodotti comuni da consumare con frequenza per l’alto apporto di nutrienti utili che forniscono

Non esistono solo superfood esotici e costosi. Il nostro organismo può ricavare i nutrienti utili per proteggerci dai malanni della stagione invernale anche da ingredienti più semplici, familiari e facili da reperire. Ma non per questo meno “super”. Un gruppo di nutrizionisti consultato dalla rivista The Beet ha elencato una serie di prodotti che, per il loro apporto in termini di vitamine, minerali, antiossidanti e probiotici intestinali, dovrebbero essere consumati con grande frequenza, se non addirittura quotidianamente durante i pasti principali o come snack durante la giornata. A ciascuno corrispondono particolari benefici.

I superfood non sono solo quelli esotici e costosi, ma ce ne sono anche di semplici, altrettanto nutrienti, che dovrebbero essere consumati spesso

1. Nocciole per il sistema immunitario

Recenti ricerche hanno evidenziato che molte persone, soprattutto vegani e vegetariani, non assumono quantità sufficienti di omega-3 con le loro diete. Ma questi acidi grassi sono essenziali per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Un modo per colmare questa lacuna sarebbe quello di consumare circa 30 grammi di nocciole al giorno oppure altri tipi di frutta secca. La porzione può essere quindi più variegata e comprendere anche mandorle, noci e pistacchi.

2. Agrumi per le infezioni respiratorie

Non è un mistero che gli agrumi siano grandi fonti di vitamina C. Arance, limoni e pompelmi dovrebbero essere consumati quotidianamente per aumentare le difese contro infezioni respiratorie e sistemiche. Questa vitamina sembra infatti in grado di potenziare le funzioni delle cellule immunitarie, spingendole a proteggerci meglio. La dose giornaliera raccomandata va dai 75 mg per le donne ai 90 per gli uomini.

3. Spinaci contro le infiammazioni

Un’altra fonte importante di vitamina C sono gli spinaci. Un recente studio pubblicato sulla rivista Nutrients ha scoperto che la vitamina ha un’alta capacità antiinfiammatoria e antiossidante. Grazie a queste due proprietà, il sistema immunitario si rafforza e ci rende più forti. Non muscolosi come il caro e vecchio Braccio di Ferro, ma più resistenti a stress infiammatori e ossidativi.

4. Peperoni crudi per l’assorbimento di ferro

Tra le verdure, una delle più sottovalutate è il peperone. A differenza degli spinaci, non è un prodotto di stagione (sarebbe meglio consumarlo in estate), ma è ugualmente ricco di vitamina C. Il problema è che viene mangiato soprattutto dopo la cottura, processo che porta alla perdita di gran parte di questo nutriente. Per questo, i nutrizionisti consigliano di preferirlo crudo. Oltre a fornire vitamina C, ottimizza l’assorbimento del ferro, nutriente solitamente difficile da fornire all’organismo con una dieta vegetariana.

5. Legumi per la salute dell’intestino

Fagioli, piselli e lenticchie sono ottime perché, grazie al loro apporto di fibre, ci danno un maggiore senso di sazietà e quindi ci portano a mangiare meno, permettendoci di mantenere la linea e riducendo i livelli di colesterolo. Ma sono importanti soprattutto perché nutrono i batteri buoni dell’intestino e contribuiscono all’eliminazione di tossine e altri scarti del nostro corpo, migliorando il microbioma intestinale.

6. Kimchi per la salute dell’intestino

Il più esotico dei superfood da consumare di frequente è il kimchi. Si tratta di un piatto coreano a base di verdure fermentate che oramai, anche per la facilità di preparazione, si è diffuso anche nei Paesi occidentali. Gli ingredienti sono cavolo cinese, cipollotti, peperoncino, zenzero candito e aglio. Il tutto va fatto riposare per una settimana. Oltre a essere un buon condimento per insaporire insalate e riso, fornisce all’intestino un genere di batteri, i lattobacilli, che aumentano la salute generale dell’organo.

7. Tè verde per la salute cardiovascolare e la linea

Infine, c’è il tè verde, altro prodotto ideale per le nostre difese immunitarie. Questa tipologia contiene infatti flavonoidi ed epigallocatechina gallato (o EGCG), due importanti antiossidanti. A differenza del tè nero, quello verde, non essendo fermentato, conserva il suo contenuto di EGCG, il quale porta benefici su più fronti, dalla protezione delle cellule contro i radicali liberi alla salute cardiovascolare, poiché in grado di inibire la formazione di coaguli, di ridurre la presenza di grassi e colesterolo nel sangue, di rallentare lo sviluppo di aterosclerosi e malattie coronariche e di tonificare i vasi sanguigni.


MARCO RIZZA
Scopri di più
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food
Scopri di più
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food
Iscriviti alla newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità editoriali, i prodotti e le offerte