FoodGastronomia

5 trucchi per un’insalata di riso da veri chef

Esistono diversi trucchi per un'insalata di riso da veri chef, alcuni più scontati altri inaspettati. Una ricetta semplice che può essere interpretata in mille modi originali.

Ecco 5 trucchi per un’insalata di riso da veri chef, dalla cottura del riso alla scelta dei giusti condimenti. Questo piatto può essere l’occasione perfetta per una rapida pulizia degli avanzi del frigo, ma si presta benissimo per diventare un piatto gourmet da veri intenditori. Abbiamo raccolto un po’ di assi nella manica per farvi fare un’ottima figura con i vostri ospiti.

5 trucchi per un insalata di riso da veri chef

1. Scegliere il giusto riso

Potrà anche suonare scontato ma una delle mosse per un’insalata di riso da veri chef è sicuramente scegliere il giusto riso. È molto importante che il riso tenga bene la cottura, così da rimanere al dente. Può funzionare molto bene anche quello integrale, uno dei più salutari tipi di riso che si possono trovare in commercio. In alternativa se ne può usare uno parboiled.

5 trucchi per un insalata di riso da veri chef

2. Come cucinarlo e scolarlo

Per un’insalata di riso da veri chef è importante saper cucinare il riso nel modo giusto. Una volta scelta la tipologia occorre cuocerlo in acqua bollente con una una buona quantità di sale, meglio non essere avari. Potreste anche provare cominciando dall’acqua fredda, un’alternativa per la cottura del riso classica, col vantaggio di conservare anche meglio il sapore del chicco, che a questo punto non vuole il sale. È molto importante ricordarsi di non sciacquare il riso una volta scolato, in modo da non perdere nutrienti e sostanze saporite. Meglio lasciarlo raffreddare all’aria o al massimo a bagnomaria.

5 trucchi per un insalata di riso da veri chef

3. Niente soluzioni già pronte

A meno che non siate veramente alle strette, e tutti lo siamo stati prima o poi, cercate di evitare i barattoli di condimento già pronti. Sono indubbiamente comodi, ma purtroppo devono quasi sempre obbedire alla logica della convenienza a discapito della qualità. Molto meglio optare per fare le cose in casa con calma.

4. Scegliere ingredienti con sapori affini

Ricollegandoci al punto precedente, evitare prodotti già confezionati ci permette di giocare molto con gli ingredienti. Il segreto è scegliere un sapore che funzioni come una sorta di filo conduttore, potrebbe essere la verdura per un piatto vegetariano o la carne per gli onnivori. Si può optare anche per il pesce, basta rimanere coerenti e non accostare prodotti che poco hanno a che fare l’uno con l’altro.

5 trucchi per un insalata di riso da veri chef

5. La maionese

Un punto su cui difficilmente si è tutti d’accordo è la maionese. Sono tantissimi quelli che non rinuncerebbero ad un buon cucchiaio di questa salsa per amalgamare un’insalata di riso degna di portare quel nome. A parte poter sperimentare con varie aggiunte creative alla maionese, come dell’erba cipollina o dell’inaspettato zenzero, è meglio lasciare ad ogni commensale la possibilità di aggiungerla al piatto. In questo modo se il riso dovesse avanzare non avreste problemi a conservarlo in frigo, mentre la salsa ne diminuisce nettamente la conservabilità.

TOPIC riso
REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.