CulturaEconomia

Un giorno alla borsa dei fiori a Naaldwijk

Oltre 115.000 transazioni al giorno vengono battute all’interno di un enorme edificio in questa cittadina olandese, in une vera e propria borsa valori a cui fa riferimento l’intero mercato mondiale.

È quasi difficile perfino crederci, una volta messo piede negli ambienti sterminati di una delle sedi più grandi al mondo della Flora Holland, una cooperativa costituita fondamentalmente da produttori di piante e fiori olandesi. Ma è proprio lì, a pochi chilometri da Amsterdam, che ogni giorno vanno in scena le aste, cuore della borsa dei fiori, dove piante da tutto il mondo sono vendute o acquistate e i prezzi stabiliti davanti a giganteschi maxi-schermi.

Un giorno alla borsa dei fiori a Naaldwijk

Una sveglia impietosa per cominciare la giornata

La giornata alla borsa dei fiori di Naaldwijk inizia molto prima dell’alba, verso le quattro di notte, quando vengono eseguiti i primi test qualitativi sui lotti della sessione quotidiana, arrivati il giorno prima da ogni angolo del mondo. Fiori e piante vengono sottoposti a verifiche che arrivino dalle serre del Westland o dal Kenya, nessuno escluso.

Una sveglia impietosa per cominciare la giornata

Alle sei precise vengono ufficialmente aperte le sala d’asta e la magia ha inizio: nelle sedi della Flora Holland domanda e offerta si incontrano letteralmente, sono i compratori infatti a determinare il prezzo delle diverse essenze. Nell’arco della giornata gli scambi proseguono incessantemente, verso mezzogiorno si possono arrivare a vedere centinaia di camion aggirarsi per il complesso di edifici e magazzini.

Nel pomeriggio vengono eseguiti gli ultimi acquisti; una volta venduti i fiori sono movimentati all’interno dei magazzini da sterminate squadre di operatori dotati di muletto, ogni acquisto è fatto seguendo i lotti che sfilano nelle varie stanze d’asta per essere giudicati dagli acquirenti.

Cosa diamine è un auction clock?

Ora cerchiamo di capire però come funziona un’asta di questo tipo: quella olandese è un vero e proprio tipo di asta, le cui dinamiche sono in qualche modo invertite rispetto alle classiche aste a cui siamo abituati. Normalmente si parte da un prezzo ben al di sotto del bene in vendita e i partecipanti offrono via via di più per aggiudicarselo.

Cosa diamine è un auction clock?

Nell’asta olandese o clock auction il prezzo parte molto al di sopra del valore a cui il venditore sarebbe disposto a cedere il proprio stock di fiori, e i partecipanti non devono fare altro che aspettare che il prezzo cali fino alla cifra che sarebbero disposti a spendere.

Una potenza economica

La Flora Holland, cooperativa dietro a questo fiorente, è proprio il caso di dirlo, mercato è un vero colosso del settore, racchiudendo il 90% di tutti gli scambi olandesi di questo settore. Le succursali sono sei, di cui una, quella di Aalsmeer, risulta attualmente come il più grande edificio commerciale al mondo dedicato a piante e fiori.

Sovraintende ben 39 tra aste-orologio e agenzie nazionali, con un totale si stima di quasi 4700 collaboratori, senza contare che la sua attività non si limita al suolo olandese, anzi, proprio qui in Italia ospitiamo uno dei due poli logistici europei, l’altro si trova in Spagna.

La ciliegina sulla torta? La borsa dei fiori di Naaldwijk si può visitare, e si prospetta come un’esperienza unica e irripetibile, da tenere bene a mente nel caso passaste da quelle parti.

Fonti: ilturista.info – travelblog.it  – amritlalukey.blogspot.it – youtube.com

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.