AttualitàLifestyle

Un atelier produce giocattoli biologici per i bambini malati

Nuovi giocattoli biologici prodotti da un atelier in Turchia sono dedicati ai bambini malati di leucemia. Un progetto che sa di speranza organizzato dalla Bitlis Eren University.

Un atelier sta creando nuovi giocattoli biologici dedicati ai bambini malati di leucemia. Succede in Turchia come parte del «One Love, One Knot Project», un’idea lanciata dalla Bitlis Eren University. Il concetto alla base è semplice: alcuni tipi di plastica possono risultare pericolosi per il fragile organismo dei bambini affetti da leucemia, ma il tessuto biologico potrebbe essere la soluzione perfetta per giocattoli sicuri.

giocattoli biologici

Giocattoli biologici per i bambini con leucemia

Erdal Necip Yardım, coordinatore del progetto, ha spiegato la necessità di giocattoli biologici: i bambini affetti da leucemia non dovrebbero maneggiare plastica, motivo per cui sono spesso tagliati fuori dalla maggior parte dei classici giocattoli in commercio. Da qui la necessità di produrli con materiali alternativi, in particolare i tessuti. Per il «One Love, One Knot Project» sono state scelte esclusivamente materie prime biologiche, lavorate interamente dai partecipanti al progetto. Per il momento l’atelier del progetto, ancora unico sul territorio, include sei accademici, due casalinghe, un’infermiera e 17 studenti.

L’obiettivo a lungo termine è quello di aprire altri centri come questo sparsi per tutto il paese, e attualmente le richieste, secondo Esra Dursun, sarebbero in continuo aumento. Una volta prodotti i giocattoli biologici verranno distribuiti in tutto il territorio, a partire dai reparti di malati leucemici. Uno degli obiettivi di questa attività è raccogliere maggior consapevolezza riguardo ai problemi di chi è affetto da patologie che ne limitano il contatto con certi materiali. A giudicare dal successo che sta avendo il progetto sembra che la direzione sia quella giusta.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.