Itinerari

Treno del Foliage: il viaggio alla scoperta dell’autunno tra Piemonte e Svizzera

Salire a bordo del Treno del Foliage significa fare un tuffo nell’autunno, muovendosi lungo un percorso suggestivo tra Domodossola e Locarno.

Mentre l’autunno entra nel vivo la natura la natura si tinge di colori unici e l’ormai popolarissimo Treno del Foliage può diventare il mezzo ideale per ammirarla. L’esperienza consente di compiere un viaggio unico all’interno della bellezza autunnale e di ammirare paesaggi mozzafiato. La tratta collega il Piemonte alla Svizzera, e vede Domodossola e Locarno fare da capolinea a una serie di mete intermedie altrettanto imperdibili.

treno del foliage
Foto: Vladislav Vasnetsov @Pexels

Il Treno del Foliage

Per gli amanti dell’autunno salire a bordo del Treno del Foliage significa sfruttare la possibilità di vivere un’emozionante esperienza. La ferrovia Centovalli-Vigezzina, attiva dal 1923, mette, infatti a disposizione mezzi che puntano a portare i turisti direttamente nel cuore dell’autunno. La tratta si estende per 52 km e unisce le due città di Domodossola e Locarno. Il percorso attraversa boschi, borghi montani e valli, e passa attraverso 31 gallerie e 83 ponti. Il viaggio dura circa due ore e la parola lentezza assume in questo tempo un significato diverso. Ammirare il foliage diventa, infatti, l’occasione perfetta per prendersi una pausa dalla freneticata vita quotidiana.

L’esperienza a bordo del Treno

Viaggiare a bordo del Treno del Foliage significa immergersi nella natura. I mezzi utilizzati, rigorosamente bianchi e blu, sono, infatti, dotati di ampie vetrate che consentono ai turisti di ammirare i paesaggi mozzafiato diventando quasi parte di essi. La tratta può essere percorsa in entrambe le direzioni e ogni biglietto è valido per uno o due giorni, sia per l’andata sia per il ritorno. Il titolo dà diritto anche a una sosta lungo il percorso. Il prezzo varia tra i 33 € e i 47 €, a seconda del periodo e della classe scelta, ma l’esperienza è gratuita per i bambini di età inferiore a 6 anni.  I treni partono tra il 15 ottobre e il 6 novembre, con diverse corse al giorno effettuate tra le 8 e le 19.

Un percorso unico

Il treno del Foliage ci consente di muoverci fra mete imperdibili. A dominare la scena sono, in primis, i due capolinea. Domodossola, dove spicca la bellissima Piazza Mercato, offre la possibilità di mangiare in ristoranti tipici e di visitare svariati musei. Locarno si specchia, invece, sul Lago Maggiore e con i suoi filari di viti regala uno spettacolo suggestivo. Lungo il percorso le possibili tappe fra cui scegliere sono, poi, diverse. Nella parte italiana troviamo Santa Maria Maggiore, borgo affrescato dai pittori vigezzini, noto per essere la patria degli spazzacamini. Il Santuario del Re, struttura maestosa, consente, invece, di ammirare dall’alto la ferrovia. In territorio elvetico, per il raggiungimento di punti panoramici, Intragna e Verdasio, da cui partono due ferrovie, sono, poi, l’ideale.

Attraverso un viaggio sul Treno del Foliage è possibile avvicinarsi ai colori e ai profumi dell’autunno in modo del tutto inedito. In determinate date ai turisti viene anche offerta la possibilità di partecipare a iniziative e festival locali. Il fatto che Lonely Planet abbia inserito il percorso tra i più spettacolari d’Europa non fa altro che regalare ulteriore attrattiva all’itinerario.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.