AttualitàCultura

Semi di ricino, eucalipto e alga: i materiali green della nuova scarpa Reebok

Si chiamano Forever Floatride GROW e sono sneakers da runner plant-based. I componenti sostitutivi della plastica garantiscono le stesse performance

Reebok lancia le sue scarpe sostenibili per runner. Disponibili dal 1° ottobre, si chiamano Forever Floatride GROW e sono in parte realizzate con materiali vegetali. In realtà si tratta di una versione aggiornata del modello Forevere Floatride Energy 2. Ogni componente è stato sottoposto a test e ricerche volti a identificare gli ingredienti naturali più sostenibili in grado di garantire elevate performance per le calzature.

Reebok scarpe sostenibili

Come sono le nuove scarpe Reebok

Le Forever Floatride GROW possono essere quindi definite plant-based. La creazione di queste sneakers va in una direzione precisa che l’azienda ha iniziato a seguire da tempo: utilizzare sempre meno plastiche derivanti dal petrolio per i propri prodotti. In questo caso troviamo materiali vegetali veramente particolari: semi di ricino coltivati in maniera sostenibile per l’intersuola, materiale derivante dall’albero di eucalipto per la tomaia (la parte superiore della calzatura), legno dell’albero della gomma per la suola e l’alga bloom per la soletta interna. Questo mix comporrà almeno il 50 percento di ogni sneaker.


La soddisfazione dell’azienda

La sfida di creare una scarpa da corsa sostenibile e confortevole allo stesso tempo non è banale. Reebok afferma di aver centrato l’obbiettivo. “Forever Floatride GROW è fatta per i runner che hanno a cuore le performance e vogliono sentirsi a loro agio con i prodotti che usano ogni giorno – ha dichiarato in una nota ufficiale Emily Mullins, Direttore del prodotto dell’azienda – È un traguardo importante, fare scarpe da corsa in materiali vegetali è sfidante in quanto devono sopportare l’impatto. Siamo riusciti a sostituire le plastiche ricavate dal petrolio tradizionalmente utilizzate per queste calzature con plastiche ottenute dalle piante”.

“La nostra pluripremiata scarpa da running – ha aggiunto Matt O’Toole, presidente del brand Reebok – è stata reinterpretata con prodotti di origine vegetale per creare la silhouette da running più performante sul mercato del footwear sostenibile. I nostri consumatori ci hanno chiesto prodotti più sostenibili e la community running è stata quella più attiva da questo punto di vista”.

Il precedente di Adidas

La scarpa, una delle prime del suo genere, era stata presentata alla fine del 2019. Ora i runner più curiosi ed eco-friendly potranno testarla su strada. Reebok non è l’unico marchio di sneaker a proporre modelli plant-based o vegani. La scorsa estate Adidas, azienda che controlla Reebok, aveva lanciato i remake di due modelli classici del brand senza derivati animali e con materiali sostenibili e riciclati.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.