AmbienteAttualitàLifestyle

Riciclare la carta dei regali di Natale: ecco come evitare chilometri di sprechi

Riciclare la carta dei regali di Natale può salvare milioni di alberi e, con qualche semplice accorgimento in più, non è nemmeno complicato.

I pacchetti da posizionare sotto l’albero sono parte integrante del periodo natalizio, ma, con un pianeta sempre più in pericolo, guardarli e pensare agli sprechi è inevitabile. Riciclare la carta dei regali di Natale è, però, possibile e, allora, rinunciare ai confezionamenti artistici non è necessario. Fare acquisti consapevoli, magari con creatività, è il primo passo, ma smaltire i rifiuti con attenzione è altrettanto importante.

riciclare carta regali

Lo spreco di carta regalo

Riciclare la carta dei regali di Natale è una priorità. Nell’Unione Europea nel 2019 sono state buttate 32.2 milioni tonnellate di carta per imballaggi e packaging e in questo dato rientra anche quella usata per i pacchetti. Quest’ultimo mercato ha oggi un valore globale di 15 miliardi di dollari, ma a ogni kg di carta da regalo sono attribuibili 3.5 kg di emissioni di CO2, Si stima che ogni anno in UK venga gettato nella spazzatura l’equivalente di 227.000 miglia in imballaggi da pacchetti. La circolarità può dunque fare un’enorme differenza. Riciclarne anche solo una tonnellata significa, infatti, salvare 17 alberi, consumare 4.000 kw di elettricità in meno e salvare spazio nelle discariche.

Riciclare la carta dei regali

Riciclare la carta dei regali è oggi ben più che possibile, ma richiede alcuni semplici accorgimenti. Evitare di strappare i pacchetti al momento dell’apertura è, purtroppo, il primo passo. Questo toglie, forse, un po’ di divertimento al gesto, ma permette di riutilizzare le confezioni per eventuali occasioni future. L’attenzione deve essere, però, massima, anche nel semplice smaltimento. Molte carte da regalo sono infatti, colorate con additivi chimici, laminate o plastificate e ciò rende impossibile collocarle nei bidoni della raccolta differenziata. Se una volta accartocciata la carta tende a riaprirsi, ci troviamo proprio di fronte a una di queste varianti.  In caso di glitter o adesivi è, poi, necessario tagliare le parti che li contengono, poiché si tratta di materiali plastici.

Riciclare la carta dei regali oggi

Per riciclare la carta dei regali di Natale in questo 2021 bisogna partire dalla fase di acquisto. Sempre più aziende offrono carta da regalo al 100% naturale e quindi completamente riciclabile. Molte realtà ricavano, poi, i materiali per impacchettare da carta già riciclata, limitando così notevolmente l’impatto sull’ambiente. Rinunciare a glitter e adesivi rimane, comunque, la migliore delle strategie per evitare di contribuire all’inquinamento da microplastiche. La creatività può, infine, diventare la nostra migliore risorsa. Chiudere i pacchetti con spago naturale e non con nastro adesivo, o decorarli con rametti di alberi o fiori rende, poi, tutto molto più ecologico. I resti di carta possono persino dar vita a decorazioni originali, evitando ulteriori sprechi.

Riciclare la carta dei regali di Natale dovrebbe diventare parte della ruotine per le feste, ma l’atmosfera gioiosa diffusa è spesso una distrazione. Non è raro vedere le nostre nonne aprire un regalo rompendo meno carta possibile e piegando quella rimasta con cura. Forse l’aria di sufficienza che di solito riserviamo loro in futuro verrà sostituita da un po’ di senso di colpa.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.