AmbienteEcologia

Radiazioni di Chernobyl sui ghiacciai delle Alpi

Tracce di radiazioni di Chernobyl sono state trovate nei ghiacciai delle Alpi secondo un nuovo studio.

Il 26 Aprile del 1986, poco distante dalla città di Chernobyl in Ucraina, nella centrale nucleare V.I. Lenin accadde il più grave incidente nucleare classificato come catastrofico dell’IAEA.

La nuvola di materiale radioattivo, fuoriuscita dal reattore, compromise gravemente tutta l’area per chilometri e a causa dei venti atmosferici e delle precipitazioni ricadde su buona parte dei paesi europei.

alpi radioattivita

Uno studio svolto da un gruppo di lavoro diretto dall’Università Milano-Bicocca con l’Università Statale di Milano e l’Università di Pavia ha provato l’esistenza di radiazioni anomale sui ghiacciai delle Alpi Europee ben dopo 34 anni dall’incidente.

Il livello di radiazioni non sembra pericoloso per la fauna e la flora e per l’ambiente alpino, tuttavia ricerche più approfondite potranno escludere completamente ogni rischio.

I ricercatori hanno analizzato il contenuto dei fori creati dalla fusione della superficie del ghiaccio a causa della crioconite e, assieme ai componenti batterici e minerari, sono state trovate tracce di elementi radioattivi artificiali come il cesio-137. La crioconite è il nome che identifica la polvere che si deposita sulla superficie dei ghiacciai di alta quota.

Secondo gli scienziati lo studio della radioattività della crioconite dei ghiacciai è molto utile per valutare il livello di salute dei ghiacciai e degli ecosistemi montani del pianeta Terra.

A partire dal secolo scorso, numerose attività legate allo sviluppo delle attività nucleari sia per la produzione di armi, sia per la produzione di energia, hanno creato non pochi problemi all’ambiente e alla salute dell’uomo.

Le conseguenze di tali attività e dei disastri nucleari come quello di Chernobyl sono ancora visibili e misurabili in natura come monito della pericolosità di questa tecnologia, se non gestita e utilizzata nel modo corretto.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.