FoodGastronomiaLifestyle

Polemica sul cheeseburger: Google non sa dove mettere il formaggio

Potrà sembrare una follia ma è accaduto sul serio: Google è stato investito da una serie di critiche per la sua emoji del cheeseburger. Motivo del disguido? La posizione del formaggio.


Un errore madornale, quasi un’offesa nazionale, quella in cui si è esibito Google: il colosso di Mountain View è stato investito dalle critiche per l’emoji di un cheeseburger, piatto considerato emblematico degli States. Il problema è stato il formaggio, che il famoso motore di ricerca mette sotto la carne, a differenza di Apple, Microsoft e Samsung. E alla fine Google ha dovuto capitolare, cambiando l’emoji.

emoji cheeseburger formaggio

La rete non perdona

A noi potrà sembrare assurda come questione, eppure anche in Italia sui piatti nazionali si scherza poco. Immaginerete allora il dibattito che deve essersi scatenato quando al motore di ricerca più diffuso al mondo è stato fatto notare un errore nella sua emoji del cheeseburger. Il panino simbolo della gastronomia statunitense era rappresentato con il formaggio sotto la carne, una svista imperdonabile per molti che hanno invaso di tweet, post e soprattutto critiche i social network.

Polemica sul cheeseburger Google non sa dove mettere il formaggio

Addirittura il CEO di Google, Sundar Pichai, è intervenuto nella vicenda, assicurando che nel più breve tempo possibile il colosso di Mountain View avrebbe risolto una volta per tutte la questione. La cosa interessante è che tutti gli altri giganti del campo informatico, da Apple a Samsung passando per Facebook hanno azzeccato la disposizione degli ingredienti, lasciando il motore di ricerca da solo in questa strana battaglia. Il risultato in ogni caso si è visto con l’aggiornamento Android 8.1, dove il panino è stato finalmente aggiornato nella sua versione corretta, col formaggio sopra la carne. Incredibilmente la rete, per una volta, ha battuto il gigante.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.