AmbienteEcologiaScienza

Plastica fatta d’alghe per stampare in 3D

Una plastica fatta d’alghe che può essere usata nella stampante 3D. Il progetto di due designer olandesi che mira a superare il concetto di zero emissioni, in favore di quello di emissioni «in negativo».

Creare plastica fatta d’alghe non è una novità, ve lo abbiamo già raccontato in un altro articolo, ma usarla per stampare in 3D è tutta un’altra questione. Le stampanti 3D sono tra le invenzioni più interessanti di questi anni dato che, teoricamente, darebbero la possibilità a ognuno di prodursi in casa gli oggetti di cui necessita. Se a questo si aggiunge anche l’idea di avere emissioni «in negativo», la questione diventa davvero affascinante.

Stampante 3D plastica alghe
Stampante 3D

Stamparsi un futuro più green

La plastica costituisce oggi uno dei materiali più utili e utilizzati, ma anche più dannosi per l’ambiente: sia in termini di emissioni che in termini di ammontare di rifiuti di cui è all’origine. Una soluzione potrebbe giungere grazie all’idea di due designer olandesi, Eric Klarenbeek and Maartje Dros, che hanno ideato una bioplastica adatta ad essere utilizzata per stampare in 3D. Le alghe vengono coltivate, disidratate e processate a formare una bioplastica liquida. Questo nuovo materiale può essere utilizzato per la creazione degli stessi oggetti oggi prodotti in plastica, rendendoli biodegradabili.

Plastica fatta d alghe per la stampare in 3D
Processo per ricavare la bioplastica dalle alghe

L’aspetto che ci ha affascinato di più tuttavia è l’idea di avere emissioni «in negativo».Immaginiamoci un mondo in cui la plastica tradizionale venga sostituita da questa vegetale: servirebbe una disponibilità di alghe non indifferente, considerando questo aspetto solamente dal punto di vista delle emissioni, la CO2 prodotta per la creazione e l’utilizzo di questo materiale sarebbe minore rispetto a quella assorbita dalle alghe nel corso del loro processo vitale.

Plastica Alghe oggetti
Oggetti in bioplastica derivata dalle alghe

Per ora questa è teoria, ma sentir parlare oggi di progetti che vanno oltre il già lusinghiero obiettivo delle zero emissioni, ci offre una ventata d’ottimismo nei confronti del futuro.

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.