FitnessSalute

Pilates: come funziona e quali sono le tipologie

Il pilates è una ginnastica focalizzata sul controllo della postura attraverso il baricentro. Ecco alcune indicazioni per capire come funziona e le diverse tipologie.

Ideata sul finire dell’Ottocento da Joseph Hubertus Pilates con fine riabilitativo, questa disciplina era inizialmente nota come Contrology e solo dopo la morte del suo ideatore il nome venne cambiato in pilates. Egli per primo intuì l’importanza di rendere le persone consapevoli del proprio corpo e della propria mente e di far lavorare in sinergia queste due parti. In un certo senso quindi unisce i principi di alcune pratiche orientali con le discipline più «fisiche» occidentali.

LEGGI ANCHE: Yoga vs pilates


Come funziona il pilates?

Per parlare di come funziona il pilates di solito si tende a riferirvisi come a una disciplina versatile: è infatti possibile adattare gli esercizi alle proprie capacità e alla propria forma fisica per trarne giovamento. Il pilates può essere indicato, su consiglio medico, per tutti coloro che soffrono di mal di schiena o conducono una vita sedentaria perché attraverso gli esercizi acquisiscano il controllo della muscolatura e, di conseguenza, della postura. La prima fase del pilates consiste nell’analisi del baricentro al fine di determinare il problema. Si procede poi con l’acquisizione della tecnica e infine con la pratica sistematica degli esercizi.

Tipi di pilates

I tipi di pilates sono molti e possono essere praticati con delle macchine o a terra. A seconda della tipologia quindi si andrà ad agire su muscoli diversi ottenendo risultati diversi. Il pilates a terra, chiamato anche matwork, è costituito da esercizi di corpo libero talvolta supportati da piccoli utensili come la palla, il ring, il rullo o le bande elastiche. La palla è perfetta per allungare la schiena, tonificare i glutei e avere una pancia piatta. Il ring è un anello munito di due maniglie che permette di allenare tutti i muscoli del corpo e favorire la concentrazione. Le bande elastiche invece aiutano nel controllo della postura, distendendo i muscoli della schiena. Il pilates aereo invece è indicato soprattutto per i soggetti in sovrappeso perché scongiurano almeno in parte il rischio di farsi male alla schiena.

I benefici del pilates non riguardano solo l’aspetto prettamente «fisico». È vero che rinforza i muscoli addominali, migliora la flessibilità della colonna e il controllo della postura, ma è anche un modo per allontanare lo stress favorendo la concentrazione sulle sensazioni del corpo. Ecco cosa disse Pilates a proposito della sua disciplina: «In dieci lezioni sentirai la differenza, in venti lezioni vedrai la differenza, in trenta lezioni avrai un corpo nuovo». Le informazioni presenti in questo articolo sono da ritenersi a scopo divulgativo e non rappresentano consigli o indicazioni terapeutiche. Prima di dedicarsi ad attività fisiche regolari si consiglia di consultare il medico.

blank
Dopo una Laurea in Ingegneria mi sono allontanata dai numeri e avvicinata a nuove forme di espressione, come la fotografia e la scrittura. Il mio blog, Il Cucchiaio Verde, racchiude entrambe le passioni e ha come filo conduttore uno stile di vita vegetariano.