AnimaliAnimali selvatici

Panda giganti, ecco perché il loro pelo è bianco e nero

Una teoria sulla “colorazione” della pelliccia esisteva già. Ora alcuni ricercatori l’hanno confermata facendo definitivamente luce sulla questione.

Quella dei panda giganti è una delle specie più tutelate contro il rischio di estinzione e tra le più amate in assoluto al mondo. Nonostante l’impegno per la conservazione e quindi il conseguente approfondimento della conoscenza della loro conoscenza, questi animali tutt’oggi continuano a nascondere dei misteri. Uno di questi, tuttavia, è stato svelato definitivamente: il perché delle affascinanti macchie bianche e nere che contraddistinguono la loro pelliccia.

Alcuni ricercatori hanno confermato una teoria che spiega perché i panda giganti hanno la pelliccia colorata di bianco e nero

Pelliccia, uno “strumento” di difesa

Per molti mammiferi il colore della pelliccia è uno “strumento” di difesa dai predatori. La categoria include oltre 5mila specie, la maggior parte delle quali caratterizzate da manti di colore marrone o grigio dalle tonalità spente. Una piccola parte, però, si distingue dalla massa grazie a un pelo a chiazze o a strisce bianche e nere: zebre, puzzole, orche e, appunto, i panda giganti. La “colorazione” dei panda è senza dubbio una delle più affascinanti: nero attorno agli occhi e sulle orecchie e in corrispondenza delle spalle e degli arti anteriori e posteriori, bianco sulle fasce rimanenti del corpo.

Anche il panda si mimetizza

Nonostante la tinta meno scialba e all’apparenza più evidente, anche la pelliccia dei panda giganti è un mezzo di difesa dai nemici, come tigri, leopardi, l’orso nero asiatico e il cane asiatico. La teoria era già stata avanzata. Ora, grazie a una ricerca di alcuni ricercatori dell’università di Bristol (Regno Unito) assieme ai colleghi della Chinese Academy of Sciences, è stata confermata. La svolta è arrivata grazie all’analisi delle fotografie realizzate da lunghe distanze agli animali nel loro habitat naturale, in Cina.

In particolare, sono stati scoperti due modi in cui i panda giganti sfruttano il loro manto per nascondersi. Il primo, quello sfruttato in mezzo alla vegetazione più selvaggia, porta le macchie nere a confondersi con le ombre più scure e i tronchi degli alberi, mentre quelle bianche permettono agli animali di mimetizzarsi tra il fogliame chiaro e sulla neve, quando presente. Queste evidenze sono emerse grazie al confronto della luce riflessa dalla pelliccia con gli elementi naturali che le circondavano.

L’altro meccanismo – chiamato “disruptive colouration” – difende invece i panda giganti soprattutto dagli avvistamenti a distanza dei predatori. Si “attiva” quando tra osservatore e osservato ci sono almeno 60 metri. In queste condizioni, il profilo del panda diventa difficile da distinguere in quanto le chiazze nere si confondono con le rocce scure e i tronchi degli alberi presenti attorno ad esso.

I panda oggi

Oggi i panda non corrono molti rischi come in passato nella natura. Vivono, infatti, in foreste isolate nella Cina occidentale, dove sono presenti pochi predatori. La loro iconica pelliccia, tuttavia, è il risultato di un adattamento che ha permesso loro di proteggersi dalle aggressioni in quello che un tempo era il loro regno, ovvero la zona tra la stessa Cina e Vietnam. Se all’occhio umano sembra difficile da credere questo fatto, è perché si è abituato a vedere questo animale negli zoo o in altri contesti in cui è circondato da elementi artificiali che neutralizzano le sue capacità mimetiche. Ma se gli sforzi della conservazione continuano a dare i loro buoni frutti, in futuro saranno più numerose le persone che avranno la fortuna di vederli nel loro habitat naturale.

TOPIC animalipanda
blank
Giornalista, ex studente della Scuola di Giornalismo Walter Tobagi. Osservatore attento (e preoccupato) delle questioni ambientali e cacciatore curioso di innovazioni che puntano a risolverle o attenuarne l'impatto. Seguo soprattutto i temi legati all'economia circolare, alla mobilità green, al turismo sostenibile e al mondo food