AttualitàFood

Ounje, ecco l’alga rossa che crea l’effetto sangue nella carne vegetale

La carne vegetale è sempre più simile a quella animale e il merito è di Ounje, l’alga rossa in grado di far sembrare “al sangue” i burger vegani.

La startup israeliana Yemoja ha scoperto come utilizzare un’alga per ricreare l’effetto sangue nella carne vegetale. Ounje, questo il nome del vegetale, ha tutte le caratteristiche del superfood e viene ottenuta tramite un processo del tutto sostenibile. Il mercato alimentare pare vicino a una rivoluzione e le aspettative sono alte.

alga sangue carne vegetale

L’alga rossa

A individuare in un’alga la chiave per rendere la carne vegetale più somigliante all’originale ci ha pensato Yemoja. Questa start-up israeliana è attiva nella lavorazione di micro-alghe in ambito cosmetico e farmaceutico. La scoperta sconvolgente è arrivata durante la ricerca di nuove formulazioni per l’applicazione nel settore beauty. I ricercatori, biologi ed esperti di biotecnologie, hanno, così, notato che una micro-alga, derivata dall’alga marina rossa Porphyridium, produceva una sostanza che ricordava in consistenza e colore il sangue. Gli scienziati hanno subito classificato la sostanza come perfetta per diventare parte dei processi di sintetizzazione della carne vegetale, e ora sono in corso esperimenti e test.

L’alga color sangue

Per ottenere la micro-alga in grado di creare l’illusione della presenza del sangue nella carne vegetale vengono impiegate sofisticate tecnologie. Le alghe della varietà Porphyridium vengono coltivate in laboratorio. Sono, poi, poste all’interno di potenti fotobioreattori, che stimolano la produzione del pigmento rosso intenso e di nutrienti. La biomassa viene, infine, estratta e filtrata, per essere portata alla viscosità desiderata. Il processo risulta completamente ecologico e sostenibile, poiché non prevede l’utilizzo di solventi chimici. Ounje contiene il 20-25% di proteine, il 13-15% di acidi grassi essenziali, fra cui omega-3 e omega-6, nonché il 30% di fibre. Vitamine e minerali sono, poi, presenti in abbondanza e ciò rende l’alga un’importante risorsa anche dal punto di vista nutrizionale.

Carne vegetale al sangue

Questa micro-alga capace di far sembrare la carne vegetale dotata di sangue apre interessanti prospettive. La rivoluzione riguarda soprattutto la consistenza. Ounje si è, infatti, mostrata in grado di mantenere le proprie caratteristiche sia cruda, sia in cottura. Con il calore il suo colore vira, infatti, verso il marrone e l’alga finisce per creare una sorta di “crosticina” croccante intorno all’alimento, dando l’illusione della caramellizzazione. A oggi per simulare tale effetto viene utilizzato il succo di barbabietola in combinazione con vari coloranti, ma le perplessità non mancano. L’Ounje mantiene per altro i propri valori nutrizionali inalterati anche da cotta e aumenta, anzi, la durata di conservazione dei prodotti.

Ounje potrebbe presto diventare un termine conosciuto e di uso comune. La micro-alga rossa sembra avere davvero la potenzialità di rendere la carne vegetale appetibile anche agli occhi degli scettici. Gli esperti del settore puntano a rendere l’impiego di tale sostanze parte integrante dei processi di produzione. Fascino e inquietudine non possono che condire l’attesa dell’assaggio.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.