FoodGastronomia

Il nuovo «burro» light fatto con l’80% d’acqua

Scienziati americani hanno ideato un nuovo prodotto simile al burro ma light. Composto fino all’80% di semplice acqua ha la stessa consistenza e cremosità del burro tradizionale.

Un nuovo «burro» light potrebbe arrivare dai laboratori della Cornell University negli Stati Uniti. Gli scienziati americani hanno ideato un nuovo prodotto a base naturale che potrebbe sostituire il burro tradizionale con un prodotto più magro e più salutare ma dalle proprietà e dagli utilizzi simili per le ricette in cucina.

LEGGI ANCHE: Differenza tra burro e margarina

burro light magro

Con olio e acqua: il nuovo burro light

Il burro contiene in media l’84% di grassi e circa il 16% d’acqua per 700 calorie ogni 100 grammi. Il nuovo «burro» light invece stravolge gli equilibri con l’80% d’acqua e solamente 100 calorie per 100 grammi. Anche il burro considerabile come magro, cioè con quantità di grassi ridotta, difficilmente arriva al di sotto del 60% di grassi. Come è possibile, quindi?

LEGGI ANCHE: Come usare l’avocado al posto del burro

burro light copertina

I ricercatori americani hanno individuato un metodo per emulsionare grandi quantità di acqua con minuscole gocce di olio vegetale e grasso del latte. Questo consente di arrivare ad una sostanza in grado di imitare le qualità del burro il burro senza stabilizzanti artificiali. Il prodotto finale avrebbe la stessa consistenza e cremosità del prodotto originale ma con solo un quarto delle calorie e potrebbe riuscire a sostituire il burro nelle ricette in cucina. «L’emulsione tra acqua e olio non è niente di nuovo» ammette il professor Alireza Abbaspourrad che ha diretto la ricerca «la nostra tecnica tuttavia ci permette di ottenere un prodotto simile al burro con l’80% d’acqua e il 20% di olio vegetale».

LEGGI ANCHE: 5 alternative vegetali al burro

burro magro light

Una base light per altri sapori

La domanda per prodotti ad alto contenuto proteico ma a basso contenuto di grassi è in aumento e i ricercatori americani sono convinti che il loro nuovo «burro» light fatto quasi interamente d’acqua possa conquistare l’interesse di chi vuole fare una scelta differente.

Il prodotto sarebbe infatti una base di partenza e i chimici alimentari potrebbero senza particolari problemi aggiustare la formula per cambiare il sapore e la consistenza a seconda delle esigenze. Con l’aggiunta di proteine del latte o proteine vegetali e vitamine sarebbe possibile aumentare il valore nutrizionale mentre con l’aggiunta di aromi sarebbe possibile modificare a piacere il sapore. Il tutto da una base di partenza con pochissimi grassi saturi.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.