NutrizioneSalute

Neuroni e alimentazione sana, il segreto è il Dha

Alcuni studi dimostrerebbero come ciò che mangiamo non influisca solo sul nostro stato fisico, ma anche sullo stato psichico.


Recentemente alcune statistiche hanno identificato una correlazione tra alimentazione della madre e salute mentale del figlio. Uno di questi, proveniente dalla Norvegia, effettuato su 23 mila donne e bambini, ha evidenziato come un alto consumo di cibo spazzatura durante la gravidanza sia associato a caratteri di aggressività, iperattività del figlio nei primi cinque anni. Lo stile di vita materno e in particolare la dieta, infatti, influenzano il livello di Dha nel latte materno, che successivamente verrà dato al neonate durante l’allattamento. Per questo vari studi consigliano una certe quantità di Dha.

Mangiare sano fa bene al nostro umore

Ma cos’è il Dha?

Il Dha, acido docosaesaenoico è un grasso omega-3 o PUFA n-3. Insieme all’acido arachinodico ( che prende il nome dall’olio di arachidi che lo contiene) è  indispensabile per la sintesi delle membrane cellulari, in particolare per le cellule di retina e cervello. Il Dha conferisce alle membrane nervose le caratteristiche di fluidità e flessibilità.

I grassi Omega 3, come il DHA, sono considerati essenziali perché il corpo non può produrli e deve quindi assimilarli dalla dieta quotidiana. Quando l’assunzione di omega-3 è insufficiente, le cellule nervose diventano rigide e più inclini all’infiammazione tipica della carenza di grassi omega-3. Una volta che le cellule nervose diventano rigide e infiammate, la corretta neurotrasmissione da cellula a cellula viene compromessa.

Cibo e neuroni

Omega3 e salute mentale

L’influenza dei grassi omega-3 sulla salute fisica e mentale è stata oggetto di ricerche nel corso degli ultimi decenni e ci sono prove convincenti che, i grassi omega-3, possano aiutare a ridurre i sintomi di alcune malattie psichiatriche degenerative e disturbi cerebrali. Ad esempio, bassi livelli di DHA sono stati collegati alla perdita di memoria e alla malattia di Alzheimer.

Una carenza di Dha porta all’alterazione delle proprietà biofisiche delle membrane neurali, determinando effetti diretti sulla trasmissione di dopamina e serotonina, trasmettitori legati alla felicità. Questo può portare a situazioni di depressione o stati d’ansia.

Pesce e Dha

Dove trovare il Dha

Ne sono ricchi i pesci oceanici di acque fredde. La maggior parte del Dha presente negli organismi complessi, che vivono nelle gelide acque oceaniche, proviene dalle alghe fotosintetiche; salendo nella scala alimentare la quantità di questo grasso è sempre più presente.
Comunemente al supermercato possiamo trovare l’omega3 in alimenti come:

  • Pesce
  • Olio di pesce
  • Crostacei
  • Noci
  • Oli vegetali come l’olio di lino, di semi di canapa, di ribes nero, di sacha inchi e l’olio di colza
  • Lecitina di soia
  • Semi di chia

Fonti: 3omega3.it – corriere.it – wikipedia.org – zastavki.com – biosciencetechnology.com – CLAUDIO CONTRERAS, NATURE PICTURE LIBRARY

blank
Studentessa di Food System all’Università di Parma. Insaziabile di vita, dove il food non la fa solo da contorno. Perchè è con il cibo che costruisco le mie relazioni.