AmbienteAttualità

Natale, quali sono le luci che usano meno energia e come ottimizzare i consumi

Le luminarie non possono mancare su albero e terrazza. L’importante è stare attenti ai consumi e all’impatto sull’ambiente, scegliendo ad esempio luci led

Non è Natale senza le classiche luminarie sull’albero e sulla terrazza di casa. Ma quanto consumano queste decorazioni a livello energetico? Dipende dalla tipologia scelta, da come si gestiscono durante il periodo di utilizzo e da una serie di altri fattori. Per non ricevere una bolletta troppo pesante al termine delle festività e ridurre il proprio impatto sull’ambiente, sarebbe meglio scegliere delle decorazioni ad alta efficienza energetica  e adottare comportamenti responsabili.

Luci Natale risparmio energetico

Quanto è “elettrico” il Natale

L’accensione dalle luminarie natalizie ha il suo peso sul fabbisogno energetico delle famiglie. Nello specifico ogni nucleo consuma circa 45 Watt in più al giorno, che a livello nazionale si traduce in un aumento dei consumi di 2mila Mega Watt in più rispetto a un periodo normale. Se a questo si aggiungono le luci di casa accese molto più a lungo per via delle giornate invernali più corte, il riscaldamento sempre acceso e l’utilizzo molto più intenso di elettrodomestici, si ottiene una combinazione davvero pericolosa per l’ambiente e per il portafogli.


Le lampadine più efficienti

Il primo passo per non esagerare con i consumi è scegliere luci di Natale led. Questa tipologia, infatti, assicura un’efficienza maggiore del 22 percento rispetto alle classiche lampadine e consente di risparmiare fino all’80 percento a seconda del modello. Il costo di un filo di luminarie led è superiore rispetto a quelle tradizionali, ma consentirà di ammortizzare la spesa grazie a una bolletta più leggera negli anni successivi. Il prodotto infatti dura molto di più nel tempo e richiede pochissima manutenzione. Quindi, non sarà necessario cambiare ogni anno la decorazione per l’albero o per la ringhiera.

Un timer può contenere i consumi

Oltre a scegliere il prodotto in base all’efficienza energetica migliore, si può optare anche per un sistema che gestisca in maniera automatizzata le luminarie. Si tratta molto semplicemente di un timer a cui collegare albero, presepe e luci da esterno, in modo da stabilire l’ora di accensione e quella di spegnimento di tutta la coreografia.

La modalità d’utilizzo è importante

Tuttavia, non basta uscire dal negozio con gli articoli giusti per contenere i consumi. A fare la differenza è la modalità di utilizzo delle luci. Un consiglio sempre valido è quello di spegnerle di notte, prima di andare a letto. Di sicuro i vicini non vi accuseranno di scarso spirito natalizio. Infine, se avete una tariffa bioraria per l’elettricità, vi converrà tenerle accese soprattutto nelle fasce in cui l’energia si paga meno.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.