AmbienteAttualitàEconomia

Monopattini elettrici: via libera per una start-up irlandese

Il governo britannico compie un passo sulla strada della sostenibilità approvando i monopattini elettrici condivisi di una start-up irlandese.

Fino a qualche settimana fa in Gran Bretagna l’utilizzo di monopattini elettrici su strade, piste ciclabili e marciapiedi non era consentito. Ora però l’azienda irlandese Zipp Mobility ha ricevuto l’approvazione dal Dipartimento dei Trasporti per una serie di trials. Gli obiettivi comuni, i modelli tecnologicamente avanzati e l’idea della condivisione, hanno convinto il governo inglese ad avviare la sperimentazione.

Monopattini elettrici

LEGGI ANCHE: Monopattino elettrico: 6 regole per prolungare la durata della batteria

Gli obiettivi comuni:

Dopo il COVID-19 l’intero sistema dei trasporti deve essere ripensato in funzione del distanziamento sociale e il governo inglese mira ad alleggerire la pressione sui mezzi pubblici. Allo stesso tempo le emissioni di gas serra devono essere mantenute entro livelli accettabili. L’azienda Zipp Mobility, ha come obiettivo quello di proporre una micromobilità sostenibile, accessibile e che migliori la qualità di vita delle città. Charlie Greeson, giovane fondatore della start-up afferma che il via libera dimostra che le autorità stanno riconoscendo le potenzialità dei monopattini elettrici. Il fatto che molti limiti tecnici siano stati superati ha permesso la partnership.


Nuovi modelli di monopattini elettrici:

I monopattini elettrici di Zipp Mobility sono stati progettati con grande attenzione alla sicurezza e questo ha fatto la differenza nell’approvazione della sperimentazione. I modelli presentano un telaio aereodinamico in alluminio e dei pneumatici airless di 10 pollici. Queste gomme non sono soggette a scoppi o altri problemi e richiedono poca manutenzione. I monopattini elettrici hanno poi una base larga, un baricentro basso e un sistema di doppia frenata. Il loro punto di forza sta anche nella batteria sostituibile che rende il loro ciclo di vita di circa due anni, contro i tre mesi dei modelli comunemente usati per lo sharing. I manubri autopulenti, poi, riducono del 99,9% il rischio di trasmissione del COVID-19.

Monopattini elettrici in condivisione:

I trials del governo inglese in collaborazione con Zipp mirano a una mobilità responsabile. Attraverso l’utilizzo di un’app sviluppata dalla start-up sarà possibile usufruire del servizio. Chiunque potrà registrarsi e recarsi alla piattaforma più vicina noleggiando i monopattini elettrici attraverso la lettura del barcode. La presenza di squadre di manutenzione specializzate sul territorio dovrebbe rendere fluido l’intervento per qualsiasi tipo di problema al mezzo.

Il progetto che mira alla condivisione dei monopattini elettrici potrebbe rivoluzionarie le vite di molti. Molte stati stanno valutando soluzioni di questo tipo. Zipp Mobility ha ricevuto ingenti finanziamenti e sul mercato si affacciano diverse altre aziende pronte a ritagliarsi posto sul mercato. L’obiettivo è non lasciare che le persone tornino a un uso massiccio delle automobili. I mezzi per raggiungere il fine possono sicuramente essere migliorati.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.