Hot TopicItinerariLocali

Mirazur di Mauro Colagreco è il ristorante migliore del mondo 2019

È il Mirazur, guidato da Mauro Colagreco, il nuovo ristorante migliore del mondo secondo World’s 50 Best Restaurants, la classifica che ogni anno premia il locale più meritevole.

Il Mirazur è il primo ristorante della World’s 50 Best Restaurants 2019, guidato dallo chef Mauro Colagreco la lista che ogni ogni anno premia il migliore locale del mondo. Le scorse edizioni avevano visto vincitori come l’Osteria Francescana di Massimo Bottura e, per diversi anni consecutivi, El Bulli di Ferran Adrià. L’edizione di quest’anno, la prima tenutasi in Asia, è anche la prima ad avere un nuovo regolamento, che ha cambiato in maniera sostanziale le carte in tavola.

LEGGI ANCHE: L’Osteria Francescana di Bottura è il miglior ristorante al mondo 2018

Mirazur al primo posto dei World’s 50 Best Restaurants 2019

Il Mirazur di Mauro Colagreco, chef italo-argentino, ha recentemente guadagnato la sua terza stella Michelin, proprio quest’anno, proponendosi al mondo della cucina con creatività e tanta inventiva. Quelli dello chef sono piatti che celebrano la natura, al punto da utilizzare verdure cresciute nel suo orto, studiato nei minimi dettagli, per creare i propri piatti. Un esempio è il risotto di quinoa, condito con funghi di bosco e crema di parmigiano, o ancora il pesce fresco, che prepara con dedizione ogni giorno.

Il ristorante si trova tra mare e montagna, con una vista mozzafiato sul mediterraneo, in particolare su Menton, città dov’è situato, e il suo porto. Assieme a una celebrazione delle tecniche moderne Mauro Colagreco al Mirazur sperimenta con la tradizione dell’Argentina, sia da un punto di vista degli ingredienti, sia per le tecniche antiche utilizzate in cucina.

Mauro Colagreco ristorante Mirazur
Mauro Colagreco - Foto da Instagram ristorante Mirazur

Le novità del World’s 50 Best Restaurants 2019

Una delle novità più interessanti di questa edizione è molto importante per capire questa premiazione: per la prima volta infatti i vincitori degli scorsi World’s 50 Best Restaurants non hanno potuto partecipare a questa selezione. Questa scelta è stata proposta dagli organizzatori in modo da dare più spazio a nuovi locali e nuovi chef, mentre i vecchi vincitori entreranno nel Best of The Best.

Nella Hall of Fame di World’s 50 Best Restaurants 2019 si trovano già Massimo Bottura, Rene Redzepi, Ferran Adrià, e, da quest’anno anche YYYY, con il suo XXXX. La scelta ha generato opinioni discordanti: da una parte è stata apprezzata la possibilità di vedere nuovi locali in cima alla classifica, finora dominata dai «soliti noti»; dall’altra però alcuni dei ristoratori in lizza per il primo posto si sono sentiti privati della possibilità di sfidare gli migliori, che a questo punto risultano, in un certo senso, imbattibili.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.