Hot TopicSaluteSicurezza alimentare

Le microplastiche nell’acqua sono pericolose?

Secondo l’OMS le microplastiche nell’acqua, nelle concentrazioni attuali, non sarebbero pericolose, ma gli scienziati sottolineano la necessità di nuovi studi per confermarlo.

Per gli scienziati le microplastiche nell’acqua che beviamo non sono pericolose, almeno nelle quantità e dimensioni a cui si possono trovare oggi. È quanto si apprendo da un recente report pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità o OMS, in cui gli esperti hanno valutato i possibili rischi delle microplastiche nell’acqua. Nonostante il problema sia sotto i riflettori da anni, gli studi che valutano l’impatto di questi agenti inquinanti sul nostro organismo sono relativamente pochi.

microplastiche pericolose

Cosa pensano gli scienziati delle microplastiche

La situazione che fotografano gli scienziati nei loro studi sembra drammatica per quanto riguarda la diffusione delle microplastiche nell’ambiente: praticamente non esiste più alcuna zona del globo che non sia stata contaminata da particelle microscopiche di plastiche. Questi materiali riescono sempre più facilmente a inserirsi nelle catene alimentari marine, consumati da organismi molto piccoli che scambiano la plastica come materiale organico.

LEGGI ANCHE: I coralli preferiscono le microplastiche al cibo naturale

Frammenti di materiale sintetico possono addirittura finire nell’acqua che beviamo, nonostante su questo punto gli scienziati siano relativamente tranquilli: i sistemi che filtrano l’acqua degli scarichi nelle nostre città riescono a bloccare il 90% delle microplastiche e ciò che riesce a passare è in una concentrazione tale da, almeno per il momento, non sembrare pericolosa.

Nonostante questo gli scienziati hanno sottolineato la necessità di diminuire il consumo di plastica, aumentando l’impegno nel riciclare quella già utilizzata, oltre a condurre un maggior numero di studi sull’argomento in modo tale da raccogliere più dati. Ora come ora la plastica introdotta nel nostro organismo non reagisce in alcun modo con il nostro metabolismo, ma le cose potrebbero cambiare.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.