AmbienteEcologiaHot Topic

Le scie degli aerei sono pericolose per il clima

Le scie degli aerei sono pericolose… per il clima, però. Un argomento che ha fatto molto discutere, ma sul quale conviene fare chiarezze.

Chiariamolo subito: le scie chimiche non c’entrano nulla. Le scie degli aerei sono pericolose per il clima e non certo a causa della presenza al loro interno di strane sostanze. Il problema riguarda principalmente la loro permanenza in un particolare strato dell’atmosfera e l’effetto di questo fenomeno.

scie aerei clima

Scie degli aerei e riscaldamento globale

Un nuovo studio dal titolo «Global radiative forcing from contrail cirrus» sulla prestigiosa rivista Nature ha messo in luce come le scie degli aerei siano pericolose per il clima. Queste, dette anche scie di condensazione, oltre allo scarico dei motori rilasciano nell’aria grandi quantità di vapore acqueo. Alcune scie si dissolvono in fretta, ma non sempre è così, altre, infatti, rimangono a fluttuare negli strati alti dell’atmosfera, favorendone il riscaldamento. Un effetto da non sottovalutare se si considera poi l’analisi del German Aerospace Center che prevede che il solo effetto delle scie degli aerei sul clima possa triplicare entro il 2050.

scie aerei riscaldamento globale

Questo considerando anche che il numero di compagnie aeree sta aumentando e che gli aerei tendono a volare sempre più in alto, dove le loro scie tendono a fluttuare più a lungo. Le scie degli aerei sono pericolose per il clima in quanto, stazionando a elevate altitudini assorbono il calore emesso dalla terra, riscaldando l’atmosfera, a differenze delle nubi più basse responsabili dell’effetto opposto. Il contributo delle scie di condensazione al riscaldamento globale è irrisorio se paragonato ad altri agenti inquinanti, tuttavia, siamo arrivati al punto di non poterci permettere il lusso di ignorare anche un solo elemento nella corsa al salvataggio del pianeta. Ora la palla passa nelle mani delle compagnie aeree, con la speranza che si attivino per limitare il problema.

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.